Armellino: “A Taranto per la quarta consecutiva, mancano i gol in mezzo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – A Taranto saranno, con tutta probabilità, a meno di ultime ufficiali dal mercato, Armellino e Niang gli unici disponibili in mediana per mister Ruotolo. Le partenze di Tognozzi e Greco e l’assenza di Camillucci hanno messo in emergenza il centrocampo rossonero che affronterà la seconda in classifica lunedì sera allo Iacovone di Taranto.
Marco Armellino è comunque pronto per la sfida ai rossoblu di Dionigi pur sapendo che in mezzo il compito sarà molto duro: «L’assenza di Camillucci si farà sentire – ammette -, ma con Niang non faremo rimpiangere le assenze, anche se sappiamo che in una partita così non possiamo sbagliare. Il mister deciderà come sistemare al meglio la squadra». Una squadra che con Ruotolo ha raccolto 10 punti in quattro gare, frutto di un pareggio nella gara inaugurale della panchina dell’ex Genoa, Livorno e Massa e di tre vittorie consecutive con Monza, Pavia e Como. I cambiamenti però non sono così evidenti per il centrocampista di Seiano: «Con i punti persi a Vercelli e quelli della penalizzazione saremmo comunque stati quarti in classifica – riflette Armellino -, poi la società ha deciso di cambiare ma non ci sono grandi differenze tra prima e dopo, continuiamo a giocare con lo stesso modulo. Certo mister Ruotolo ci trasmette altri pensieri e alla fine stiamo vincendo ed è quello che conta di più».
Capitolo mercato: via Tognozzi, Greco, Galabinov, a fine gennaio la casella delle entrate è ancora vuota. Tanti i nomi che sono stati accostati ai rossoneri, da De Liguori della Nocerina, a Carrus del Frosinone, fino al campione del mondo Simone Barone, oggi al Livorno come anticipato da Sportinpenisola. Le chiacchiere di mercato non preoccupano però Armellino: «Non ci dà fastidio sentir parlare di mercato – dice -, chi verà lo farà per centrare gli obiettivi comuni, per cercare di arrivare ai playoff. C’è da mettere qualche tassello a centrocampo ma la preoccupazione non tocca a noi ma al mister che deve fare la squadra». Qualunque novità porti la finestra invernale di scambi, Armellino è ormai una sicurezza del pacchetto centrale rossonero; una linea mediana che sforna ottime prestazioni senza però mordere sotto porta. «Purtroppo mancano i gol dal centrocampo – conclude -, ci dobbiamo rifare, è una brutta situazione. Forse è così perchè abbiamo caratteristiche più difensive che offensive»

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!