Esposito: “Sant’Agnello, è ora di giocar male e vincere”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Esposito tornerà in campo con l'Ercolano, seconda sfida di un ciclo terribile per la Fc

Sant’Agnello – Spettatore privilegiato nella partita con il Cicciano a causa di una fastidiosa influenza, l’attaccante Catello Esposito ha commentato il punto sfumato via con la capolista grazie ad un capolavoro del guardalinee che ha convalidato negli ultimi secondi una rete evidentemente irregolare: «Ero influenzato e l’ho vista da fuori – dice Esposito – siamo stati bravi a tornare in gara dopo essere andati due volte sotto, abbiamo peccato un po’ nel finale quando pensavamo di averla pareggiata, poi l’errore del guardalinee, è sempre la stessa storia, giochiamo contro le squadre, la sfortuna e gli arbitri».
Escluse le gare contro Pro Pagani e San Vitaliano, le due gioie santanellesi, tutte, proprio tutte le gare del girone d’andata hanno mostrato una squadra combattiva e ben messa in campo, fermata dalla sfortuna, dagli errori e dagli episodi. «Adesso bisogna guardare ai punti, non se ne può più di giocar bene e non raccogliere punti – sbotta la punta di Guarracino -, preferirei giocare male e vincere non come accaduto fino ad adesso». Anche per Esposito sarà difficile vedere un modulo più spregiudicato per tentare il tutto per tutto verso la salvezza. E’ la prova della fiducia che i ragazzi ripongono nel loro allenatore e della grande disponibilità mostrata verso la causa Sant’Agnello, una causa solo apparentemente persa: «E’ difficile vederci giocare con tre punte – ammette Esposito -, il mister vuole esterni che ritornano in difesa e noi siamo tutti molto offensivi; comunque è una scelta che deve fare lui, c’è la nostra completa disponibilità a giocare come ci chiede, dobbiamo ripagare la fiducia riposta in noi, siamo rimasti qui per centrare la salvezza». Dopo Cicciano arriva la sfida esterna con l’Ercolano secondo in classifica. Poi arriverà il Vico, terza forza del campionato: «Speriamo di fare punti, ci servono – conclude il numero 11 -. Con il Vico sarà un derby ma dobbiamo guardare solo a noi, solo aiutandoci tra di noi possiamo farcela. Non ci regalano niente e la salvezza dipende solo dalle nostre forze».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!