Polisportiva U19: con la Saces dura due quarti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La Saces dilaga nella seconda metà di gara: sconfitta la U19Sorrento – Dopo la sconfitta della formazione di B contro Ariano Irpino, anche l’under 19 ha affrontato la prima in classifica del proprio girone, la Saces Napoli. Era chiaro già a livello numerico che le ragazzi di Falbo avrebbero dovuto scalare un alto monte per portare a casa la vittoria: panchina lunghissima per le partenopee mentre la Polisportiva ha dovuto fare i conti con assenze importanti come quella della Negri e ha schierato la Russo in non perfette condizioni fisiche. La partita, che sembrava chiusa già in partenza, per i primi due quarti è però rimasta aperta. Merito di due parziali ben giocati dalle sorrentine, capaci di chiudere il primo quarto sotto di un solo punto, 8-9, pur giocando contro una squadra fisicamente superiore ma assolutamente inguardabile sotto canestro. Già nel secondo quarto le ospiti cercano di scappar via ma le costiere le tengono lì, reagendo bene anche ad un minuto in cui la Saces mette in cascina un vantaggio di 9 punti.
La De Lizza mette dentro una gran tripla e fa sperare per il meglio dopo l’intervallo; la Cacace assottiglia il gap fino a -6 che tiene la Polisportiva ancora in gara, poi il tracollo con le napoletane che nel giro di un minuto si portano a +13 tagliando le gambe alle ragazze di coach Falbo, che perdono la bussola tentando di riportarsi sotto solo con tiri dalla distanza senza più cercare la penetrazione come avvenuto nella prima parte di gara. Ultimo quarto d’accademia per la Saces mentre per le casalinghe da segnalare altre due triple della De Lizza, ripresasi da un infortunio alla spalla subito nel corso della gara. La Polisportiva resta al sesto posto con 14 punti, in attesa della sfida, sicuramente alla portata, contro la Emjoy Napoli in trasferta.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!