Apd che tonfo con i KoalaBears

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ottaviano – Poteva essere il match della svolta per la Apd Carotenuto, ma alla fine si tramuta in un incubo la gara contro la Buccia di Mela Koala Bears che si impongono per 3-1.
I bianco blu di Pontecorvo, sul quale potrebbe incombere la scure dell’allontanamento, partono bene e dimostrano tutto il loro potenziale annichilendo i padroni di casa, ma vengono poi risucchiati nel vortice degli errori e nel nervosismo.
Infatti dopo aver lasciato a 9 i padroni di casa nel corso del primo parziale, non riescono a dare continuità e cedono nell’ordine tre set consecutivi senza attenuanti dimostrando  di poter solo lottare per la salvezza senza se e senza ma.
«Abbiamo giocato malissimo dal secondo set in avanti – commenta il secondo allenatore Cafiero -. Non è possibile fare una gara del genere. Speravo che tutto fosse alle spalle, ma non è stato così. Ora pensiamo solo alla salvezza da raggiungere quanto prima battendo Atellana e Faicchio».

BucciadiMela KoalaBears – Apd Carotenuto 3-1
(9-25; 25-21; 25-19; 25-19)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!