Gimel: persa al tie break una sfida infinita con la Marinagri Portici

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Partita infinita tra la Gimel e la Marinagri Portici

Massalubrense – La Gimel Sant’Agata non è riuscita a portare a casa la vittoria contro la Marinagri Portici dopo cinque set combattutissimi; la squadra di mister Aversa conquista comunque un punto importante, ma l’andamento della gara dice che il bottino poteva essere più cospicuo. Già nel primo set infatti l’onda bianco blu si era portata subito avanti per 5-3, seppur con qualche problema in ricezione e contro un muro ottimo delle ospiti che però commettono qualche errore di troppo. Benissimo le casalinghe nella seconda parte del set; in formissima la Marciano e la Amitrano che segna il 23 -17 di pugno, trasformando una alzata non perfetta nel punto della sicurezza. Il parziale termina 25-22.
Ancora avanti la Gimel nel secondo set ma Portici si sveglia e comincia a macinare punti e mette sotto le avversarie che ristabiliscono l’equilibrio grazie ad una scatenata Mastellone che firma il 20 pari. Il momento cruciale sul 24-24; Portici ne ha di più e porta a casa l’1-1. All’inizio del terzo set deve rincorrere la Gimel ma subito si rimette in sesto giocando molto bene: sul 7-7 l’arbitro non vede una palla fuori a favore delle padrone di casa ma Stefania Aversa placa le polemiche con un gran primo tempo. Le squadre danno vita ad un grande scambio prima del 16-11, la partita è bella e spettacolare e le gimelline portano a casa il punto con un perentorio 25-15.
E’ qui che cambia la partita, che sembrava saldamente in mano alle atlete di Sant’Agata, che pure si erano portate in vantaggio con un punto di pugno del libero Esposito. Sul 7-7 avviene il sorpasso e da quel momento far cadere la palla nel campo di Portici diventa un’impresa ardua. Le ospiti approfittano di 6 set points e lasciano decidere tutto al tie break. Il parziale decisivo è degno di un ottimo film thriller: al cambio campo la Gimel conduce 8-4 ma perde la palleggiatrice Aversa visibilmente sofferente ad un ginocchio. Portici ne approfitta ed infila una sequela di punti che stordiscono le gimelline fino all’11-15 finale. Peccato, davvero peccato per una gara che poteva fruttare più del punto conquistato e che ha mostrato una Gimel volenterosa, che dovrà cercare il riscatto con l’Albachiara Volley Cercola fuori casa.

Gimel Sant’Agata – Marinagri Portici 2-3
Parziali: 25-22; 24-26; 25-15; 18-25; 11-15.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!