Fortitudo, Marino:”Nessun voto, ma tanto lavoro”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Non dà voti coach Marino, ma crede nel lavoro di equipe

Sorrento – Un 2011 da brividi per la Fortitudo Sorrento che ha compiuto il grande balzo dell’esperienza maggiore. La nascita della prima squadra è stata una sorta di rivoluzione. La politica dei piccoli passi ha permesso ai bianco verdi di crescere gradualmente e giungere ad avere un settore giovanile all’avanguardia.
Il bilancio è comunque positivo anche se il coach Marino non esprime un voto per quanto fatto.
«C’è ancora tanto da fare e non do voti alla stagione perché non mi sento in grado di farlo – spiega l’allenatore -. C’è tanto da fare sia sotto il profilo tecnico sia societario. Speriamo che ci possano essere vicine anche le istituzioni per far si che i ragazzi possano avere tutte le opportunità che meritano».
I risultati sono stati tutto sommato soddisfacenti, ma la crescita deve essere costante e non fermarsi nel tempo.
«Dobbiamo cercare di impegnarci di più per costruire dei gruppi di ragazzi importante – dichiara Marino -. Tutto passa attraverso il nostro lavoro per consentire la crescita dei nostri allievi. Il lavoro di equipe paga e la Fortitudo si basa su questo».

“Col lavoro ci saranno i risultati” parola di Mario Marino

Tre squadre che giocano sempre per raggiungere il vertice delle proprie classifiche. La Promozione è alla prima esperienza e naviga settimana dopo settimana per migliorarsi. La under 19 maschile deve riprendersi anche perché è stata vittima di una serie sfortunata di infortuni che ne hanno minato il cammino, mentre le ragazze sono ancora a caccia del passaggio del turno per approdare alla fase interregionale.
«Con la Promozione cerchiamo di ottenere il massimo da ogni partita anche se le prossime tre saranno durissime – conclude coach Marino -. La under maschile potrà recuperare appena ci saranno tutti a disposizione, mentre le ragazze per il momento hanno fatto un buon lavoro, ma dobbiamo portare a termine bene il campionato prima di pensare alla fase successiva».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!