La Mura para la sfortuna: “Salvezza diretta? Ce la possiamo fare!”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La Mura protagonista all'andata contro il Positano

Sant’Agnello – Il girone di ritorno che prende il via sabato porta una ventata di ottimismo in casa Sant’Agnello, reduce dall’amichevole con il Massa persa per 6-2 sul sintetico del Cerulli. Una amichevole poco significativa considerate le defezioni dei biancoblu che hanno comunque onorato la sfida trovando due reti con un ottimo Scelzo. Armando La Mura, che difende la porta santanellese, racconta la gara: «Eravamo rimaneggiati, in panca eravamo solo in tre con un ragazzo in prova, un gol l’hanno segnato in fuorigioco – spiega il portiere -, non possiamo basarci su questa partita per trare conclusioni, loro poi hanno giocato con una determinazione da campionato mentre noi volevamo staccare la spina». In campionato si riparte con la sfida al Positano che, nella prima giornata del campionato aveva sconfitto il Sant’Agnello per 1-0 con una rete al 90′. Una rete che La Mura aveva evitato parando il rigore con un gran tuffo sulla sinistra ma che è arrivata per una disattenzione difensiva sulla respinta: «Avevo parto il rigore, purtroppo poi abbiamo preso gol per una brutta ingenuità – ricorda il numero 1 -. Peccato perchè iniziando con un punto o con una vittoria il nostro campionato sarebbe cominciato diversamente». La gara con il Positano segnò anche una delle ultime presenze in campo del mister Guarracino che potrebbe diventare protagonista nel girone di ritorno: «Antonio può darci una grossa mano soprattutto sul piano della grinta che nell’andata ci è mancata. Non può darci tanto in quanto a corsa e forza aerobica perchè è fermo da tanto ma la sua presenza in campo sarà uno stimolo in più». Uno stimolo importante arriva dall’agibilità, per ora soltanto per gli allenamenti, del campo di Via dei Pini. Un evento vero e proprio che abbassa il livello di stress della squadra e della società e che rappresenta una svolta per i ragazzi in campo, ormai abituati ad allenarsi in un campo da calcetto: «Abbiamo già fatto due o tre allenamenti e posso dire che non ci allenavamo così da tanto – racconta sollevato La Mura -, si può contare su tanto spazio e cambia la visione di gioco. Per gli attaccanti è importantissimo, giocare con le porte piccole è molto diverso, è come chiedere ad un ingegnere di progettare uno stanzino, l’allenamento finalmente è completo». Nuovo anno, nuovi stimoli quindi, con un pensiero fisso, la salvezza: «Se ci alleniamo determinati – conclude la saracinesca della Fc – possiamo anche salvarci direttamente, anche se i risultati dicono che siamo in difficoltà. Ci sono solo 4 punti tra noi e la penultima».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!