Il 2011 in casa Polisportiva

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Si chiude il 2011 della Polisportiva di Giovanna Russo

Sorrento – Calici pronti, si saluta il 2011 che se ne va lasciando in penisola la scia di tante belle storie di sport. Una di queste è sicuramente quella della Polisportiva, che chiude gli ultimi 365 giorni con la soddisfazione di aver portato avanti il progetto di crescita delle ragazze che la presidentessa Giovanna Russo ha identificato come obiettivo primario della società. Sotto la guida sicura di coach Falbo la formazione di Serie B, che l’anno scorso aveva terminato il campionato ai playoff con una sconfitta al meglio delle tre gare contro Giugliano con in panca coach Gigi Savarese, ha affrontato il girone d’andata del campionato vincendo tutte le gare in casa e perdendo quelle in trasferta fino alla gara di Castellammare contro la Basket Stabia che ha invertito la tendenza e ha messo sui binari giusti anche il rendimento esterno. La presenza in campo delle giovanissime Rita Cacace e Claudia Laurentaci e l’esordio in categoria di De Lizza e soprattutto della ’95 Russo sottolineano come la crescita atletica delle ragazze sia il primo pensiero del sodalizio sorrentino che in classifica ha ottenuto 12 punti grazie alla bella vittoria sul campo stabiese.
Proprio l’under 19, allenata anch’essa da coach Paolo Falbo, ha chiuso il 2011 con la sconfitta nel derby contro la Fortitudo nella prima giornata di ritorno e punta, come la sorella maggiore, alla maturazione delle atlete: anche l’under viaggia in classifica a 12 punti e si piazza al sesto posto staccando di 6 punti la Emjoy Napoli.
Dopo l’annus horribilis della formazione di serie D nella stagione 2010-2011, chiusa con 0 vittorie all’attivo, la Penisola Basket intanto ha mantenuto in gioco solo la formazione under 17 allenata da Gigi Savarese che, con 2 vittorie in 5 partite ha cominciato questa nuova avventura. Un’avventura che continuerà nel 2012 e che spera di far brillare in Penisola tante nuove stelle del basket.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!