L’Abatese ferma la corsa della Libertas

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Antonio Abate – Dopo tre vittorie consecutive ed una sconfitta con un punto guadagnato nell’ultima uscita contro la Pallavolo Amatori, la Libertas Sorrento perde contro l’Abatese cedendo per 3 set a 1. L’allenatore Morelli commenta la gara: «Abbiamo avuto un approccio sbagliato alla gara – ammette -, giocavamo contro una squadra che in casa si esalta in un ambiente che conoscevamo bene e che dovevamo affrontare in modo diverso».
Sul gioco della sua squadra: «Siamo andate subito sotto, poi abbiamo cercato di rimontare ma nel primo set c’era poco da fare – commenta l’allenatore -. Nel secondo abbiamo perso con uno scarto minimo, 26-24. Nel terzo abbiamo reagito anche se le motivazione potevano crollare ma nell’ultimo parziale siamo partite male e abbiamo regalato alcuni punti importanti».
Due le cause principali di questa sconfitta: «C’era molto nervosismo in panchina – dice Morelli -, dovevamo gestire meglio certe situazioni ed interrompere una serie di errori con più tranquillità nei momenti topici». Oltre alla tensione la Libertas si è presentata a Sant’Antonio non nelle migliori condizioni di formazione: «Avevamo una formazione rimaneggiata, eravamo in 8 comprese il libero e Federica Castellano – conclude Morelli -. Faccio fatica ad accettare queste sconfitte contro squadre che sono secondo me alla nostra portata, il livello non è altissimo e dobbiamo giocare con più convinzione».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!