Il Massa al Cerulli non sa vincere

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Ancora una volta va in altalena il Massa Lubrense di Palmieri che tra le mura amiche proprio non riesce a vincere. Al Cerulli, questa volta, a passare è la Sanseverinese che sfrutta al massimo quello che crea, ma evidenzia i limiti strutturali dei nero azzurri costieri.
In apertura, dopo una prima fiammata dei padroni di casa, a sbloccare l’incontro sono gli ospiti con Mendili abile a sfruttare una disattenzione difensiva su calcio piazzato.
Preso lo schiaffo la squadra della Città dell’olio preme e prova a riequilibrare le sorti della partita. Appena entra in area il Massa raccoglie i frutti del predominio territoriale. Punizione di Porzio, Marino si inserisce e  fredda Carotenuto.
La gara è vibrante e giocata sotto una copiosa pioggia nei primi 45 minuti, ma non si sblocca complici gli errori di Schettino, D’Esposito e Mendil.
A spezzare la parità ecco il rigore decretato giustamente da Cerbone per fallo di Fiorentino. Dagli undici metri Mendil non fa prigionieri e riporta i suoi in vantaggio.
C’è solo tanta voglia nell’assalto finale dei peninsulari che si affidano troppo e male alla verticalizzazione lunga. I salernitani serrano le fila e in contropiede sfiorano la rete della sicurezza con Balzano.
La chance per trovare il pari i nero azzurri la hanno con il neo entrato Marcia, ma il trequartista controlla male e fa sfumare i sogni di gloria per la Palmieri’s band a un soffio dal fischio finale.

Massa Lubrense – Sanseverinese 1-2
Massa Lubrense: Fiorentino 6, De Stefano 4.5, Gargiulo 5.5 (43’st Marcia sv), Cappiello 5 (33’st Esposito sv), Bagnulo 5.5, D’Esposito 6, Porzio 5.5, Vinaccia 4.5, Marino 5.5, Schettino 5 (29’st Volpe sv), Iovino 5.
A disposizione: Stinga,  Cuomo, Maresca, Zapparella.
Allenatore: Palmieri 5.5
Sanseverinese: Carotenuto 6.5, Magliocca 6, Rega 5.5 (33’st Del Gaizo sv), Avallone 6.5, D’Amico 6, Toma 6.5, Balzano 6.5, Trapanese 6, Caliano 5.5 (43’st Iacovazzo), Mendil 6.5, Marigliano 6 (38’st Citro sv).
A disposizione: Cesarano, D’Elia, Maffei, Crocetta.
Allenatore: Cerbinara 6
Arbitro: sig. Cerbone 5
Marcatori: 6’pt e 22’st Mendil (S), 27’pt Marino (ML)
Note: spettatori 50 circa. Ammoniti: Avallone, De Stefano, Rega, Fiorentino, Vinaccia, Porzio, Esposito, Trapanese. Angoli: 2-2. Recupero: 2’pt, 4’st

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!