San Giovanni Battista – Vico Equense: dopo 40 anni ritorna il derby

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

…quando c’erano le tribune con i tubi innocenti

Domenica 18 Dicembre 2011, nell’impianto comunale di Massaquano, alle ore 10,00 si rinnova, dopo ben 40 anni, in una partita

1972 : una formazione del Vico Equense

ufficiale, lo storico derby di Vico Equense. Infatti si affrontano, per il Campionato Regionale Juniores,  San Giovanni Battista  e Vico Equense. Una disfida sportiva, che ha segnato il calcio vicano  tra fine degli anni 60 e gli inizi degli anni 70 in epici derby, caratterizzati da una sana rivalità: i vicani contro i massaquanesi – la “città” contro quelli “di sopra la montagna”. Ricordo  nonno Liberato, che mi portava “al Raspolo” per vedere la partita sulle tribune di “tubi innocenti” e tavolati e il ritorno a casa senza voce , perchè avevo incitato il “Massaquano” a squarciagola, (a prescindere dalle sorti dell’incontro) come i tantissimi paesani che accorrevano al campo. Una epopea che ebbe fine nel 1973, quando le due squadre cittadine diedero vita, insieme, ad una unica compagine. Ma “la squadra del paese”, di fatto scompariva, mentre dei suoi valenti calciatori, alcuni si aggregavano al Vico Equense, altri si trasferivano in altre squadre facendosi ben valere anche nelle serie superiori. Il paese alle pendici del Faito si disaffezionava al calcio, non sentendo come propria l’altra squadra, quella di Vico.  Eppure Massaquano, continuava a sfornare giovani talenti, che prima calcavano  lo sterrato campetto della scuola, poi il vicino Campo Sportivo, quindi categorie calcistiche di tutto rispetto.
Si deve proprio ad uno di questi, massaquanese doc, già valente portiere di squadre di categorie anche professionistiche,  e cioè a Francesco De

San Giovanni Battista : una formazione del 1971

Simone (attuale allenatore della prima squadra del Vico Equense) e ad altri amici (Vito De Simone – Antonino Celentano – Giulio De Simone) la rinascita del San Giovanni Battista nell’anno di grazia 2001. Il resto è storia abbastanza recente: il Vico Equense che raggiunge l’apogeo sportivo con il presidente Nello Savarese,  viene promosso al campionato di C2, proprio nello stesso anno in cui il San Giovanni Battista del presidente Peppe Guida viene promosso in Prima Categoria.
Quest’anno, con la decisione di allestire una compagine Juniores, il SGB viene inserito nel Girone H, insieme al Vico Equense. Mentre il tecnico degli azzuro-oro, Gaglione, opta per  una squadra formata da  ragazzi  di belle speranze provenienti dai diversi paesi limitrofi, i rossoblu, per precisa scelta, chiamano giovani e giovanissimi tutti esclusivamente  vicani  (inteso come abitanti del comune di Vico E. con le relative frazioni), affidandoli ad un veterano delle categorie giovanili, Pasquale Vanacore.
Sarà crediamo ,  una giornata di sana sportività e fair play…a partire dai quarantenni in su, forse, sarà un ritornare ragazzini per 90 minuti, a quando c’erano le tribune con i tubi innocenti.

® riproduzione riservata

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!