Folgore Massa ottava meraviglia con fatica

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – L’ottavo centro stagionale sporca minimamente il percorso netto fino ad oggi segnato dalla Folgore Massa. La squadra di mister Paolo Russo domenica sera ha dovuto affrontare una vera e propria battaglia sportiva sul campo della prestigiosa Pallavolo Battipaglia. I salernitani hanno fatto trovare alla Folgore una vera tana con un tifo da stadio a fare da cornice ad un match vietato ai deboli di cuore. La Folgore scende in campo senza la “fame” delle occasioni migliori. Anniballi è nuovamente preferito ad Arpino nel ruolo di libero di ricezione. Per il resto, sestetto base in casa Folgore. Nei primi due parziali sono proprio le bocche di fuoco costiere a non incidere. Schiavone e Coppola vanno a corrente alternata, Cuccaro non è ficcante, Armidoro è in giornata no. La somma di questi fattori porta ad un risultato bugiardo di 2 a 0 per la Folgore, conquistato sempre ai vantaggi e con fatica. Complice anche qualche grossolano errore dei padroni di casa nei momenti clou.
Nel terzo set i nodi vengono al pettine. Sul 22-22 è il Battipaglia, infatti, a piazzare la zampata e vincere il set 25-23. La capolista accusa il colpo e torna in campo irriconoscibile. Pronti via e Coppola paga ben tre errori punti, Schiavone barcolla in ricezione, Armidoro viaggia a percentuali d’attacco sotto il 50%. Il Battipaglia ne approfitta e stacca il biglietto per il tie-break.
Mister Russo mescola le carte e schiera titolari Cuccaro in regia al posto di un Esposito meno lucido e preciso del solito e Soldatini al posto di Cinque. Ma la Folgore non cambia marcia.
Sembra finita sul 10-5 per i padroni di casa. Ed invece sull’incisivo turno di battuta di Coppola, il match cambia volto. La Folgore gioca da capolista e grazie ai cugini Fabio e Roberto Cuccaro (autore dell’Ace finale) chiude per 15-13 un lungo e difficile match.
Tanti applausi a fine gara e per la Folgore bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. I limiti emersi a Battipaglia sono quelli di una squadra che in trasferta aveva già zoppicato sia a Nola che a Casalnuovo riuscendo, però, a trovare per tempo il bandolo della matassa.
Ora in vista dell’ultimo impegno pre-natalizio, ancora in trasferta, contro l’Olimpo Napoli è fondamentale ritrovare rabbia e voglia di far propria tutta la posta in palio senza eccessivi patemi.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!