Andrea Rolla racconta il suo oro: “Impossibile descrivere la mia sensazione”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il campione europeo in vasca corta Andrea Rolla con la redazione si SportinPenisola

Piano Di Sorrento – Andrea Rolla è il volto della felicità dopo la straordinaria ultima frazione della 4×50 in vasca corta agli europei di Stettino, in Polonia. Si presenta con la sua medaglia in tasca e la mostra con orgoglio dopo aver ricevuto i complimenti dal comune di Piano. E’ vera, possiamo toccarla, ammirarla, possiamo esserne orgogliosi.  Andrea non riesce ad esprimere con le parole quello che ha provato nei secondi della gara: solo concentrazione e forza, neanche il tempo di respirare. Poi, dopo il tocco della piastra, la gioia infinita.
«E’ impossibile descrivere le mie sensazioni durante la gara – racconta emozionato -. Mi sono rivisto poi in video e mi sono accorto di aver esultato con una esclamazione un po’ infelice, è stato uno sfogo incredibile, mi sono sgolato. In quel momento avrebbero potuto spararmi ma ero imbattibile, i proiettili sarebbero rimbalzati sulla pelle».
L’ultimo staffettista ha il compito più difficile, se c’è da recuperare sugli avversari; in una gara veloce come la 4×50 in vasca corta le distanze sono minime ma l’Italia arrivava in finale con un gran tempo rispetto alle altre nove contendenti. Andrea ha scoperto solo al mattino di dover recitare il ruolo finale, lasciando a Dotto, Orsi e Bocchia le altre frazioni.
«Mi è stato comunicato dall’allenatore solo al mattino – racconta raggiante il campione europeo -: ho risposto che me la sentivo, poi mi sono buttato in piscina e ho cominciato a nuotare per quasi un’ora per sciogliermi dopo un attimo di paralisi».
Con il tempo di 21.42 Andrea ha battuto anche il suo primato personale sui 50m sl, ottenuto in batteria con il tempo di 21.68. Tempi che sottolineano le doti di velocista di Andrea che però non nasconde di aver avuto qualche problemino dopo la prima vasca.
«Dopo la virata volevo uscire velocissimo invece ho preso un’onda che mi ha praticamente fermato, a quel punto sono andato giù e ho tirato fino alla fine».
Gli ottimi risultati ottenuti a Stettino fanno ben sperare in vista dei prossimi impegni della nazionale di nuoto. La Pellegrini e le altre hanno già portato le sirene italiane in cima al mondo; tocca ai maschietti adesso tornare ai fasti di Fioravanti, Rosolino e al mondiale di Magnini.
«La squadra è cresciuta tantissimo, soprattutto nelle gare veloci, sarà dura tornare agli ori olimpici ma stiamo tornando molto competitivi». Andrea sarà impegnato, tra le fila dello Sport Management Team Lombardia, nei campionati italiani che si svolgeranno a Riccione venerdì e sabato prossimi. Un vero tour de force per Rolla.
«Sarò impegnato nei 50, nei 100 e nella 4×100 stile libero – anticipa il nuotatore carottese -, mi sono preparato anche per poter nuotare i 50 delfino ma deciderò a Riccione se sarà il caso di partecipare alla gara».
Uno sguardo a due impegni fondamentali: i campionati italiani in primavera e gli Europei in vasca lunga che con tutta probabilità si svolgeranno ad Anversa.
«Lottare per questa medaglia è già stata una soddisfazione immensa ed una grande gioia – conclude Rolla -, l’obiettivo è quello di partecipare agli Europei in vasca lunga in programma nella prossima primavera». Un obiettivo che ne nasconde un altro; che non nomineremo, ma che tutta Piano già sogna.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!