Il Super Master Racing chiude la stagione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Appuntamento tradizionale sul circuito di Sarno la settimana scorsa quando l’Autosport Sorrento ha fatto coincidere il termine della stagione con l’usuale kermesse del Super Master Racing.

Ecco il comunicato della Scuderia Costiera:
Nell’ormai tradizionale appuntamento di fine stagione del Super Master Racing che si disputa sul prestigioso Circuito Internazionale Napoli di Sarno, sede della factory dell’Autosport Technology, si è assistito all’abituale “Radical-parade” con ben quattordici barchette inglesi al via e quattro nelle prime dieci posizioni assolute.
La notizia più bella della giornata è stata, però, quella del terzo gradino del podio conquistato da Michele “Miky” Esposito che, sulla pista ancora umida della seconda manche pomeridiana, ha sfoderato una prestazione eccezionale riuscendo a infilarsi in mezzo alle più potenti vetture CN ed E2M 2000 presenti. Il diciassettenne Michele, che si è imposto anche nella classe E2B-1600 davanti ad un nugolo di altre vetture Radical, ha dimostrato di aver completamente superato i postumi dell’incidente di Magione aggiungendo un risultato da incorniciare in una stagione, nonostante l’infortunio subito, per lui ricchissima di soddisfazioni.
Altro protagonista eccellente della giornata è stato, senz’altro, il vesuviano Giuseppe Eldino che ha terminato la sua terza apparizione con la Radical in quinta posizione a un soffio dalla quarta.
Nona piazza e terza moneta di classe per lo “sceriffo” Cataldo Esposito che ha preceduto Daniele Vanacore che chiude la “top ten” con l’unica SR3 presente nella sua accattivante livrea. Seguono “The Shark”, al secolo Giuseppe Ferola, che ha preceduto di poco un Luigi Vinaccia apparso poco motivato in quest’apparizione, mentre più indietro troviamo Antonino Marzuillo che ha abbandonato, per l’occasione, la fida Renault Clio RS E1 Italia e la pisana Valeria Pulvirenti, unica esponente femminile in gara.
Nella classe 1300 ancora un giovanissimo in evidenza, l’appena quindicenne Francesco Celentano, autore di prestazioni sempre più convincenti e impostosi su un pilota di ottimo livello quale Salvatore Venanzio, grande protagonista della serie “Radical Trophy Speed” ma qui in difficoltà di assetto nella decisiva seconda manche.
Ottimo il terzo posto di categoria ottenuto da Paolo Durante, anche lui appena diciottenne, con una Prosport nero-gialla appena giunta dalla Gran Bretagna davanti allo slalomista Gianluca Miccio, Roberto Ruocco e Giuseppe Arpaia, all’esordio con una vettura sport e più brillante nelle prime fasi della competizione sarnese.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!