Gimel sconfitta dalla Fiamma Torrese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Non basta il cuore Gimel contro la Fiamma Torrese

Torre Annunziata – La Gimel è stata, come purtroppo da pronostico, sconfitta dalla corazzata Fiamma Torrese, prima in classifica e candidata numero uno alla promozione in B. Una partita che però non ha visto soccombere le ragazze di mister Aversa che hanno giocato una buona partita seppur con minore esperienza da mettere in campo.
Andrea Aversa commenta la gara delle sue atlete: «Bella partita, anche se fuori casa non riusciamo ad esprimerci, soprattutto alle 20.30 quando la trasferta non ha nulla di sportivo ma porta solo tanto stress».
La Gimel aveva già giocato contro la Fiamma in coppa Campania. Era arrivata anche nel girone una sconfitta ma per 3-2, in casa e contro una formazione rimaneggiata e senza troppe motivazioni. In campionato invece un’altra storia, con le torresi che hanno espresso un gioco potente e risolutivo. «In Coppa Campania è stata un’altra partita, dalla loro parte hanno 8-9 giocatrici molto forti che ruotano, noi non abbiamo molti ricambi ed è il nostro primo anno in C. Abbiamo comunque disputato una ottima partita, seppur sconfitti».
Prossimo impegno casalingo con Arzano: «E’ una partita che dovrebbe essere alla nostra portata. Con le prime 4 in classifica è difficile giocarsela, mentre con le altre siamo allo stesso livello e dobbiamo portare più punti possibili a casa».
La salvezza è un obiettivo concreto e più vicino: «Possiamo salvarci, l’obiettivo è alla nostra portata, possiamo finire in una posizione medio alta di classifica».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!