Sorrento, Avallone:”Serenità per tornare a vincere”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il Ds Avallone chiede serenità per tornare al successo

Sorrento – Un primo segnale era giunto al termine del match contro il Foggia, ancora aria di contestazione all’Italia dove un gruppo di tifosi ha incitato tutti a dare di più e mantenere le aspettative di inizio stagione: un campionato di vertice.
Generoso Rossi e mister Sarri hanno discusso con i supporters rossoneri invitando tutti a stringersi intorno alla squadra per far passare il momento buio.
«Mai come in questo caso tutti dobbiamo essere una famiglia per riuscire a battere la Tritium – commenta il Ds Avallone -. La squadra paradossalmente ha fatto qualche pareggio in più, ma ha perso solo due gare».
Contro i satanelli di Stringara il Sorrento ha dato l’impressione di poter vincere, ma sbagliando troppo consentendo agli avversari di riuscire a bloccarli sul pareggio.
«C’è sempre stata l’impressione di poter vincere domenica scorsa – spiega Avallone -. I giocatori come tutta la dirigenza erano amareggiati per quanto accaduto anche perché abbiamo avuto le occasioni per fare bottino pieno».

Sottolinea come il Sorrento non sia stato fortunato in questo avvio di stagione l’uomo mercato dei costieri (foto Penna)

Il motivo secondo il direttore sportivo è chiaro.
«C’era l’ansia di scrollarsi di dosso il momento – dice l’ex centrocampista della Nocerina-. Negli ultimi sedici metri siamo stati troppo pasticcioni, sprecando tutto quello che potevamo sprecare. Sbagliati controlli e scelte, ma questo è il calcio ».
C’è chi chiede che la panchina venga affidata ad altri, chi cambi di modulo, ma la linea del dirigente costiero è per la continuità.
«Con i punti ottenuti sul campo paradossalmente nell’altro girone saremmo primi – analizza il direttore sportivo -. La squadra deve restare serena battere il prossimo avversario e fare più punti possibili sino alla sosta».
Il Sorrento non è stato comunque fortunato in questa parte di stagione con gli infortuni. Basso in preparazione, Tognozzi poi e ora appena rientrato in forma, Romeo e Bondi.
«Sotto il profilo della fortuna non siamo stati baciati dalla dea bendata – continua Avallone -. Tra infortuni, pali e traverse abbiamo un credito da riscuotere abbastanza ampio. Comunque per domenica spera che ci sia il supporto giusto da parte dei tifosi per ottenere il massimo».
Alla squadra di Sarri sembra che manchi quel pizzico di esperienza giusta a centrocampo perché quando si va in difficoltà si cerca di allontanare l’avversario dall’area senza costruire.
«Sembrerebbe proprio così – afferma l’uomo mercato dei Gambardella -. Purtroppo Tognozzi in questo momento si è di nuovo infortunato. Ancora dobbiamo vedere il reale valore del ragazzo che a Terni stava comunque facendo un’ottima gara. Speriamo di riaverlo a posto per gennaio sarebbe un grosso acquisto».
Dicembre è alle porte e i rumors del mercato iniziano anche per il Sorrento che potrebbe veder cambiati alcuni elementi in rosa in vista del rush finale del girone di ritorno.
«Qualcosa faremo per migliorare la squadra, ma di certo non sarà facile – conclude Avallone -. Le soluzioni del mercato invernale di norma portano a scambi se fosse così dovremo trovare le condizioni migliori per i nostri giocatori che chiederanno più spazio».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!