Calzona:”Ingenui sul goal subito”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Mister Calzona non si dà pace per il goal subito dopo un minuto

Foggia – Si poteva vincere con qualità, testa e grinta, ma il Sorrento le mette in campo in ordine sparso non approfittando delle evidenti lacune degli avversari.
Il Foggia ci mette grinta e cuore, ma la confusione negli ultimi sedici è lampante, ma le chance per chiudere la partita prima del novantesimo i costieri le hanno, però l’imprecisione l’ha fatta da padrone.
«Abbiamo fatto la gara gestendo il primo tempo dove siamo stati imprecisi negli ultimi sedici metri – commenta Calzona -. Giocare sempre per 90 minuti sullo stesso livello non è facile anche perché si concede qualcosa agli avversari».
Sul goal subito a freddo dopo il vantaggio, il secondo di Sarri nicchia e rinvia il commento alle immagini.
«Non eravamo messi bene, c’è stata confusione al limite, ma devo rivedere le immagini per poter dare un giudizio preciso – spiega -. Bisogna aggiustare qualcosa. Ci sarà da lavorare in settimana».
Imprecisione e un pizzico di egoismo per il Sorrento che nel finale di seconda frazione ha avuto le occasioni per chiudere la partita.
«Non è una questione di egoismo , ma di scelte sbagliate nelle circostanze – conclude Calzona -. Si è fatto la gara che si doveva fare, ma non abbiamo sfruttato al meglio le chance che abbiamo avuto».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!