Gimel Sant’Agata battuta per 3-1 dalla D’Amico

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Cava dè Tirreni – La Gimel, dopo il bel punto conqistato nella sconfitta per 2-3 in casa contro Vulcano Buono Nola, si ferma, pur vincendo un set, contro la D’Amico a Cava dè Tirreni.
Una partita che, ci racconta il team manager Vincenzo Apuzzo, non è stata ben interpretata dalle ragazze dell’OndaBlu che hanno sofferto soprattutto in ricezione e non sono riuscite a ripetere la bella prestazione della scorsa gara.
«Purtoppo la prestazione è stata negativa – commenta Apuzzo – non siamo abituati a giocare fuori casa alle 20.30 e questo ci ha penalizzato. Abbiamo tirato i remi in barca troppo presto. Una gara da dimenticare».
Le ragazze di mister Aversa sono riuscite per due set a restare in gara per poi cedere lasciando campo libero alle dirette concorrenti della D’Amico che balzano a tredici punti distaccando le avversarie della Gimel che rimangono ferme al nono posto con 7 punti. D’Amico che non ha comunque impressionato in campo, pur giocando in casa: «Eravamo sullo stesso livello, forse addirittura noi più forti – continua il tm – ma abbiamo giocato al 50 % mentre loro hanno dato il 100 %. Peccato per gli errori nei fondamentali, soprattutto in ricezione e per gli infortuni che ci hanno privato di tutti i cambi».

Marta Guadagnuolo dovrà sottoporsi alla riabilitazione dopo l’intervento alla spalla

A proposito di infortuni, svolta per il capitano Marta Guadagnuolo che lo scorso venerdì è stata operata per il problema alla spalla che la terrà lontano dai campi per qualche mese. A lei vanno i migliori auguri della redazione con la speranza di poterla rivedere in campo prima del termine della stagione dopo la necessaria riabilitazione.
Ottime notizie intanto arrivano dal settore giovanile della squadra di Sant’Agata che in settimana ha schierato le tre formazioni under 14,16, 18 ottenendo tre perentori 3-0 belle rispettive gare di campionato.
La prima squadra Gimel sarà sabato prossimo impegnata in casa contro la Tramontina Volley Cava, una squadra che viaggia sugli stessi punti della D’Amico e che potrebbe rappresentare una importante svolta verso la salvezza in C.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!