Sant’Agnello, Inserra:”Bisogna solo vincere”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il biondo Inserra sommerso dall’abbraccio dei compagni (foto Pollio)

Sant’Agnello – La grande affidabilità e le qualità tecniche ne hanno fatto uno dei punti fermi della squadra del presidente Negri. Stiamo parlando di Vittorio Inserra, biondo centrocampista classe ’92 che ha realizzato l’ultima rete della squadra santanellese che ha fruttato punti contro la Marilius.
«E’ vero e sembra anche strano perché non era un rigore – se la ride il mediano -. Contro la MArilius abbiamo fatto una grande secondo tempo e siamo riusciti a impattarla, peccato poi non essere riusciti a fare punti contro Baiano e Casollese».
I bianco azzurri hanno preparato il prossimo match contro la Pro Pagani al Menti di Castellammare con la Juve Stabia. La partita è servita per provare alcune cose, ma soprattutto per cercare di allentare la pressione sui ragazzi del presidente Negri.
«Eravamo rimaneggiati, ma non sono queste le gare che dobbiamo vincere – continua il centrocampista -. E’ stato un modo per fare allenamento sul sintetico in vista del match di domenica contro la Pro Pagani».
Il Sant’Agnello gioca anche un buon calcio, subisce poco, crea molto, ma finalizza al minimo le occasioni che si procura. Imprecisione, parate dei portieri avversari e legni hanno fatto la differenza sino a questo momento.
«Non gettiamo la croce addosso ai nostri attaccanti, ma qualche regalo portafortuna a Iozzino forse glielo faccio – conclude ridendo Inserra -. Noi creiamo tanto, ma non riusciamo a buttarla dentro un vero peccato. Il sintetico dell’Italia dovrebbe favorirci, noi dobbiamo solo pensare a vincere».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!