Karate: Gennaro Amitrano d’argento a Tivoli

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Tivoli – Si è svolta a Tivoli il 19 ed il 20 novembre la prima delle quattro competizioni ufficiali che sistemeranno la classifica ufficiale nazionale di karate: i migliori atleti vestiranno il kimono azzurro e parteciperanno alle competizioni internazionali della WUFK. Il primo Open D’Italia Fik, tenutosi al palazzetto “Paolo Tosto”di Tivoli e che ha fatto segnare la partecipazione di circa 60 squadre e di ben 350 atleti di caratura nazionale, ha visto il trionfo del Team Calzola allenato da Lorenzo Calzola, che ha conquistato ben 10 medaglie d’oro con gli atleti più promettenti del panorama italiano.
La notizia più importante per gli appassionati sportivi della penisola sorrentina è però il secondo posto ottenuto da Gennaro Amitrano, karateka di Sant’Agata, atleta ed istruttore della Numi Dojo Karate che nella specialità Kumite, che riguarda il combattimento sportivo e si affianca alla specialità Kata, che prevede soltanto il giudizio della forma, ha ottenuto l’argento, battuto in finale per 3 punti a 2 dopo che i tempi regolamentari erano terminati sul punteggio di parità.
Ottima prova anche per gli altri atleti della penisola in gara a Tivoli per smuovere la classifica nazionale. Nella categoria cadetti Cataldo Simioli e Antonino Castellano, giovanissimi, hanno esordito con onore nelle competizioni e sono rimasti fuori dalle fasi finali solo per l’inesperienza che a questi livelli fa la differenza con atleti più preparati, soprattutto psicologicamente. Ci sarà tempo per rifarsi e conquistare, magari, un posto in nazionale.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!