Sorrento, Sarri:”A Terni per ribattere colpo su colpo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

"Di certo non andremo a Terni a difenderci", tuona Sarri (foto Penna)

Sorrento – Si dica quel che si vuole, ma contro la Ternana sarà un big match. La capolista riceverà al Liberati il Sorrento di Sarri che non attraversa il momento migliore della stagione, ma che sotto il piano psicologico è ancora motivata.
«Se la delusione serpeggia nell’area alla fine un po’ si attacca addosso, ma al momento non è quello che ho visto qui – commenta il tecnico -. Per me in questo ambiente il meglio si ottiene essendo una famiglia anche se i modi e i toni dei tifosi sono stati estremamente civili».
Un riferimento allo striscione apparso in apertura di settimana che ha portato i costieri verso il delicato incontro di Terni. Ancora fuori Romeo che svolgerà lavoro differenziato, mentre Croce e Vanin sono recuperabili per domenica.
«Fino a domenica eravamo a più uno di media inglese e abbiamo perso una gara dove abbiamo sbagliato solo 20 minuti  – spiega Sarri -. Bisogna concentrarsi solo sul lavoro. Con i nostri punti nel girone B saremmo primi, mentre qui gli altri stanno facendo molto bene».
Il Sorrento nelle ultime gare interne ha dato l’impressione di soffrire l’impatto con la partita, ma a fine match è sempre stato, atleticamente e tatticamente, pronto a chiudere l’avversario nella propria area per cercare il colpo risolutivo.
«Non so se è un problema mentale – analizza il mister costiero -. Siamo partiti bene, poi abbiamo sbagliato tre palloni che ci hanno creato delle difficoltà e che ci hanno fatto perdere di mano l’inerzia della partita, ma abbiamo mantenuto comunque le redini del match e preso il due a zero sull’unico loro ingresso in area della ripresa».

Due turni di squalifica, ma per il tecnico “Calzona farà quello che farei io” (foto Penna)

Sul fronte squadra non ci saranno rivoluzioni di uomini e di schemi. Qualche sorpresa il tecnico toscano potrebbe farla, ma sull’undici non si sbilancia anche perché di fronte ci sarà la capolista.
«Non credo nelle rivoluzioni, ma qualcosa potrei cambiare – sintetizza Sarri -. Affrontiamo la Ternana che è una buona squadra e ha creato entusiasmo in tutta la città, ma la partita sarà difficile anche per loro. Non dobbiamo fare una gara di attesa, ma dobbiamo controbattere colpo su colpo».
La capolista va via in ritiro anticipato, ma l’allenatore del Sorrento non crede alla soluzione adottata dagli umbri.
«Io ai ritiri non credo tanto anche a quello del sabato perché i giocatori sono professionisti, se uno non è professionale scomparirà dal calcio professionistico – dice il mister -. non vedo la necessità, ma fare un allenamento o due sull’erba sarebbe buono».
Per la morfologia della difesa della Ternana e sulle contromisure tattiche da adottare in avanti, il trainer mischia le carte, anche se sembra orientato a confermare il tandem Scappini-Ginestra.
«Stanno facendo bene tutti e al momento resta difficile fare delle scelte – chiosa Sarri -. E’ difficile togliere chi segna di domenica in domenica, poi Carlini ci darebbe della profondità in modo molto veloce, ma serve anche l’opportunità di farci salire».
Sulla sua assenza dalla panchina mister 33 schemi chiude così.
«I ragazzi non se accorgeranno neppure perché io e Calzona la pensiamo allo stesso modo e di certo farà le stesse cose che farei io».

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!