Sarri post-Lumezzane: ‘Partita decisa da episodi. Occorre ritrovare solidità dietro’

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

L'allenatore rossonero, Maurizio Sarri

Perché il Sorrento regala sempre un tempo agli avversari ed esce dal guscio solamente nella ripresa? La domanda posta in sala stampa al tecnico rossonero Maurizio Sarri è il riassunto di una domenica amara, in cui i costieri sono incappati nella prima sconfitta casalinga stagionale: ‘Una risposta a questo problema non c’è. – analizza con schiettezza Sarri – Sbagliare l’approccio alla partita in casa sta diventando ruotine, e questo mi preoccupa. Nel primo tempo abbiamo portato troppo la palla, rallentando così l’azione. Nella ripresa abbiamo dato qualcosa in più, ma sull’andamento del match hanno influito pesantemente gli episodi: il rigore inesistente dell’1-0 e poi il gol del raddoppio, subito nell’unico tiro in porta del Lumezzane di tutto il secondo tempo. La reazione della squadra, però, mi fa ben sperare. C’è da migliorare, invece, sulla solidità difensiva’. Sull’espulsione negli spogliatoi, Sarri commenta sarcastico: ‘E’ la prima volta che mi capita di essere espulso senza neanche aver offeso l’arbitro. Gli ho solo detto che se ha fischiato il rigore a Bonomi deve avere il coraggio di decretarne 10 in tutta la partita’.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!