Il punto sulle giovanili Gimel

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – L’under 18 e la under 16 della Gimel Sant’Agata sono state sconfitte, nelle rispettive partite di campionato, dalla Volley Roccarainola e dalla Casali D’Aequa. Sconfitte indolori per la società di Sant’Agata la cui prima formazione milita nel torneo di Serie C femminile. Si punta soprattutto sulla crescita della under 14 che deve ancora esordire e molte delle ragazze che affronteranno questo impegnativo campionato sono state convocate per giocare nelle rappresentative più “anziane”. Il 3-0 della under 18 ed il 3-1 della under 16 non rappresentano dunque risultati negativi rispetto alla crescita delle giovani pallavoliste.
La prima squadra sarà impegnata, intanto, sabato alle 18.30 in casa contro Paestum: una gara da vincere assolutamente per continuare a credere nell’obiettivo salvezza. Un dato positivo per le ragazze di mister Aversa: sono state già affrontate 3 tra le prime 5 classificate, quindi tra le più accreditate per la testa del torneo. Il campo ha mostrato una Gimel volenterosa e non inferiore alle avversarie; certo, l’esperienza paga ma le prossime gare potranno essere indicative per capire quanto il traguardo sia vicino.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!