Grande Folgore, stesa Marigliano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto Luiggi Penna

Massa Lubrense – Era la prima grande prova di maturità per la nuova Folgore Massa targata Paolo Russo, che il team costiero supera a pieni voti. Una fase di appannamento in avvio con gli ospiti più convinti, ma nel corso del secondo set cambia tutto e i bianco verdi folgorano la Tya Marigliano.
Un primo set nel quale la formazione ospite rischia di tutto in battuta e in attacco, difende l’impossibile e comanda le operazioni con i massesi che stentano ad entrare in partita consentendo alla Tya di vincere con pieno merito il parziale d’inizio dell’incontro.
Le cose non sembrano migliorare nel secondo set quando è ancora Marigliano a condurre i giochi, ma Russo indovina le parole giuste nel time-out e i suoi lasciano andare il braccio, rimontano e vincono ai vantaggi per 27-25.
«Abbiamo patito il loro inizio di partita a cui non ci siamo opposti come sapevamo – commenta il mister -. Nel secondo set la partita aveva preso una brutta piega, ma siamo stati bravi a rischiare il tutto per tutto per rimettere in piedi parziale e partita».

“Ottimo secondo set, vinto contro una rivale”, il commento di mister Paolo Russo (foto Penna)

La Tya accusa il colpo cala improvvisamente nei fondamentali, mentre cresce il muro dei bianco verdi. Cinque e Cuccaro al centro aiutati da una buona ricezione mettono giù palloni importanti sbarrando  le iniziative mariglianesi, così il terzo set si chiude 25-15.
«Li avevamo studiati, ma ci hanno sorpreso – spiega Russo -. Quando però abbiamo migliorato i fondamentali è stato tutto più semplice anche perché loro non riuscivano più a giocare con sicurezza. Bene anche il doppio cambio di palleggiatore e opposto con Gargiulo che ha risposto ottimamente ogni volta che è stato chiamato in causa».
Nel quarto e decisivo parziale si gioca punto a punto. Cresce la tensione e l’adrenalina in campo con le due squadre che non vogliono commettere errori. Dopo essere riusciti a prendere un break di cinque punti, la Folgore si fa rimontare in chiusura di parziale sul 23 pari. Il match sembra dirigersi, per la seconda volta, ai vantaggi, ma ancora una volta il muro si rivela determinate con Luigi Cinque che blocca l’attacco dei mariglianesi che giocano per pareggiare a quota 24 e consente ai massesi di festeggiare.
«Sono contento per come è stato superata questa prova di maturità – conclude il mister -. I ragazzi hanno risposto bene. La svolta? Riuscire a giocare con continuità sui centrali e bloccarli a muro».

Campionato Serie C Volley maschile
Folgore Massa – Tya Marigliano 3-1
(21-25; 27-25; 25-15; 25-23)
Folgore Massa: Esposito, Armidoro, Cuccaro, Cinque, Coppola, Schiavone, Ruggiero, Durante, Cuccaro, Gargiulo, Soldatini, Marciano (L), Arpino (L).
Allenatore: Russo P

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!