Sorrento, Sarri: “Non l’abbiamo chiusa”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Viareggio – Il Sorrento si è complicato la vita da solo nella trasferta in Versilia venendo rimontato in pieno recupero dai padroni di casa. Mister Sarri non è di certo soddisfatto del finale in una gara che i suoi ragazzi hanno comandato con ordine.
«Non siamo riusciti a chiudere la gara quando dovevamo – spiega il trainer costiero -. Abbiamo accusato un po’ di affanno in venti minuti del primo tempo e in avvio di ripresa, ma poi abbiamo gestito la palla e sbagliato il ko».
La prima sensazione è che ti sia stato scippato qualcosa, ma di certo la rabbia lascia spazio alla razionalità per l’allenatore che mercoledì sarà già impegno in Coppa Italia di Lega Pro.
« Sì, c’è tanta rabbia – analizza Sarri -. Ed è ovvio che sia così. Prendere gol in pieno recupero fa sempre malissimo. Certo vincere sarebbe stato fondamentale e la classifica avrebbe avuto un volto sicuramente differente, ma di confortante resta la prestazione dei ragazzi».
La prossima settimana all’Italia scenderà in campo un Lumezzane che dopo un avvio non troppo promettente è giunto nelle posizioni nobili della classifica.
« Domenica incontreremo una squadra ostica, in salute, che può contare su un organico di tutto rispetto – conclude l’allenatore -. Sì, il Lumezzane per me rappresenta una partita non facile e bisognerà essere al massimo».

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!