Polisportiva bella e vincente: 73-52 alla Ruggi Salerno

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Polisportiva convincente al Pala Atigliana

Sorrento – Bella partita della Polisportiva allenata da coach Falbo contro la Ruggi Salerno al Pala Atigliana. Le ragazze della formazione che milita nel girone M della serie B archiviano puntando su una grandissima difesa la pratica, regalando a tratti spettacolo.
Primo quarto molto equilibrato: la Polisportiva parte bene ma si fa recuperare dalla Ruggi che sembra potersela giocare alla pari. Il risultato parziale è di 15-18.
Nella seconda frazione il gioco risulta spezzettato; la Polisportiva perviene al pareggio a 6.28 dalla sirena. Dopo un inconveniente occorso al tabellone, improvvisamente spento, si riparte con le padrone di casa che superano le ospiti. Cambia la storia della partita sul punteggio di 27-26. La difesa sorrentina blocca molto bene gli attacchi delle avversarie che si riportano avanti con una tripla. E’ un fuoco di paglia, subito la Polisportiva riprende le redini del gioco per non abbandonarle più; dopo due errori in lunetta Valisena orchestra un ottimo contropiede concluso a canestro dalla Laurentaci: si va al riposo sul punteggio di 30-29. Durante l’intervallo la Errico accusa un piccolo malore in panchina, ma la preoccupazione svanisce subito dopo senza alcuna conseguenza.
Terzo quarto: la Polisportiva prende subito il largo con un contropiede della Stamegna; Salerno riesce a far segnare solo 4 punti nei primi 5 minuti del quarto. Sorrentine micidiali in contropiede, il vantaggio aumenta fino alla sirena che blocca il risultato sul 52-35.
Accademia nell’ultimo quarto: attacchi sterili delle salernitane contenute benissimo dalla difesa di casa. Applausi per la Errico che lascia il posto alla Lazzazzara la quale, proprio sulla sirena, piazza una gran tripla che incornicia la gara nonostante il timido ritorno delle avversarie: 73-52 il finale.
Coach Falbo decisamente soddisfatto dopo la gara. «Abbiamo lavorato durante la settimana per migliorare la fase difensiva – spiega l’allenatore sottolineando il punto di forza delle sue ragazze -. L’Aurigemma ci ha dato un po’ di esperienza in più, abbiamo iniziato bene ma abbiamo subito il loro ritorno. Nel terzo quarto abbiamo giocato il basket che mi piace – continua Falbo. Buoni contropiedi, scambi veloci: senza una buona difesa non si può giocare in questo modo. La tripla di Lazzazzara poi, ha messo la ciliegina sulla torta».

Polisportiva Sorrento – Ruggi Salerno 73-52
Parziali: 15-18; 15-11; 22-6; 21-17
Polisportiva – Aurigemma, Valisena, Laurentaci, Lazzazzara, Stamegna, Cacace, Falbo, Errico, De Lizza, Di Palma (C). All.: Falbo
Ruggi – Di Pace, Amatino, Alfinito, Buglione, Memoli, Montesanto, Pignata (C). All.: Pignata.
Arbitri: Della Peruta – Palmieri (Caserta)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!