Il vento è protagonista, Massa-Atripalda termina 0-0

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Alla prima in casa per Antonino Palmieri finisce zero a zero. Massa e Città di Atripalda non si fanno del male, ma alla fine il punto va meglio agli irpini e non ai costieri a cui serviva fortemente una vittoria.
I nero azzurri, tanto per cambiare, sono di nuovo in emergenza con quattro elementi out e il nuovo tecnico deve schierare una squadra con ben sei ragazzi nati dal ’91. De Stefano è fuori per un risentimento muscolare, Bagnulo per i postumi dell’infortunio occorsogli la settimana scorsa ed Esposito a causa di una contusione alla caviglia.
Serviva una frustata ai padroni di casa, ma è solo lo scirocco a frustrare i sogni di gloria del Massa Lubrense che ringrazia Fiorentino in avvio di gara. L’estremo difensore per due volte dice no ai giocatori di Montanile, prima devia un colpo di testa di Simone, poi al minuto 32 mette in angolo una conclusione di D’Acierno.
Punti sul vivo i nero azzurri pressano gli avversari e sul finire della prima frazione si fanno vivi in rapida successione con Staiano, Porzio e Schettino. Rupa, sullo stacco di testa del numero nove costiero, salva sulla linea a due minuti dal termine dei primi 45 minuti.
Al Massa nella ripresa manca la cattiveria giusta per riuscire a capitalizzare le giocate della propria mediana, la giovane età si fa sentire e l’Atripalda controlla al meglio. Il gioco degli irpini è favorito anche dal vento che al Cerulli è l’assoluto protagonista della seconda frazione. Il Massa potrebbe vincere se il neo entrato Volpe a due passi dalla linea di porta mettesse dentro l’assist di Porzio.
In chiusura di tempo recrimina la squadra di casa per una trattenuta in area, ma l’arbitro non concede la massima punizione e tutto resta bloccato sul risultato di partenza.
Lo spettacolo può attendere, il Massa continua sulla strada dei piccoli passi anche se la classifica resta preoccupante i segnali della squadra sono incoraggianti.

Massa Lubrense – Città di Atripalda 0-0
Massa Lubrense: Fiorentino 6.5, Zapparella 6, Gargiulo 6 , Iovino 6 (25’st Volpe), Siniscalchi 6, Autiero 6.5, Porzio 6, Vinaccia 6,5 Schettino 5.5 (8’st Aiello 6), Cappiello 6, Staiano 5.5. A disposizione: Alfano, Cardinale, Festa, Triunfo, Marcia.
Allenatore: Palmieri
Città di Atripalda: Caruccio 6.5, Tancredi 6, Sicignano 6, Rupa 6 (28’st Guarino sv), Galliano 6, Tirri 6, Vecchione 6, Raffone 6 (45’st Santucci sv), Simone 6, Saviano 5 (1’st Cerullo 5.5), D’Acierno 5.5. A disposizione: Imparato, de Turris, Ambrosio, Stompanato.
Allenatore: Montanile
Arbitro: sig. Sabatino di Nola 6
Note: gara giocata a porte chiuse. Ammoniti: Cappiello, Iovino, Simone

® Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!