Il Sant’Antonio cala il poker, Real Massa ko

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Antonio Abate – Ancora una volta il Real Massa cade in trasferta e lo fa pesantemente contro i giallo rossi della Virtus Sant’Antonio. Alla fine il 4-1 ci sta tutto per la squadra di Giuseppe Cacace che parte male, ha l’opportunità per rimettersi in carreggiata e la sbaglia e viene punita dopo cinque minuti.
Partenza a razzo per i padroni di casa che, nella rivincita della volata salvezza dello scorso anno, riescono subito a sbloccare il match. Serie di cross per la Virtus Sant’Antonio che è sempre pronta sulle seconde palle e all’ennesimo traversone messo al centro riescono a passare in vantaggio.
Il Real Massa prova a riorganizzarsi, ma dopo dieci minuti va sotto per la seconda volta. Incomprensione tra Persico e il portiere che permette agli attaccanti di casa di fare 2-0 dopo dieci minuti.
La squadra ospite ha anche l’opportunità di riaprire l’incontro, ma il suo uomo più rappresentativo Marcello Cacace dagli undici metri sbaglia il rigore del 2-1.
La Virtus Sant’Antonio vuole chiudere tutto e ci riesce. Erronea applicazione del fuori gioco per la squadra rossonera, il centravanti va via, mette a sedere il pipelet ospite e deposita in rete.
Nella ripresa subito il 4-0 che spezza ogni velleità di rimonta per il Real Massa e Berton che a metà frazione realizza la rete della bandiera per la squadra massese.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!