AS Massa, Palmieri:”Facciamo punti, il bel gioco lo lascio agli altri”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ha fame di punti e non di bel gioco mister Palmieri

Massa Lubrense – Non è riuscito a vincere alla prima partita in casa mister Antonino Palmieri che, contro l’Atripalda, è costretto allo 0-0. Ci ha provato con grinta e voglia il Massa Lubrense, ma il risultato di partenza non si è sbloccato. L’assoluto protagonista della giornata è stato il vento di scirocco che ha frustato in lungo e in largo il Cerulli.
«I giovani che hanno giocato hanno risposto bene – commenta l’allenatore nero azzurro -. Anche oggi eravamo in emergenza, ma abbiamo retto bene. Peccato non poter essere al completo. Manca un pizzico di cattiveria negli ultimi sedici metri».
Il Massa di Miniero giocava bene, ma non vinceva, quello di Palmieri in costante emergenza è in serie positiva anche se non ha mai vinto. Potendo contare su tutti gli uomini in rosa di certo le prestazioni miglioreranno, ma l’allenatore bada al sodo: i punti.
«A me il bel gioco interessa relativamente – analizza Palmieri -. Dobbiamo fare punti e anche la più presto, ma purtroppo preferisco che tutti recuperino la migliore condizione per continuare al meglio la stagione. Rischiare potrebbe costare caro ai ragazzi».
Il tecnico è rammaricato più per il vento e un rigore non dato che per i limiti di roster che ha il Massa Lubrense.
«Ai miei ragazzi non potevo chiedere di più – conclude il tecnico -. Il vento non ha permesso di certo di assistere a una bella partita, ma questo è il calcio. Forse c’era un rigore per noi, ma l’arbitro non ha fischiato. Ripeto ci vuole cattiveria bisogna fare goal quando capita la palla giusta».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!