Sarri:”Sorrento facciamo emergere le loro paure”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

"Stiamo diventando una squadra" commenta Sarri (foto Penna)

Sorrento – E’ partito nel pomeriggio alla volta di Viareggio la truppa di mister Sarri che in conferenza stampa ha parlato a tutto tondo del momento del Sorrento e degli avversari da affrontare domenica in campionato.

Infortunati – “Romeo ha ancora la caviglia gonfia, mentre Bonomi su consiglio dello staff medico abbiamo deciso di non rischiarlo in vista della prossima gara. Sono infortuni di entità lieve anche se per Samuele (Romeo ndr) dobbiamo aspettare che l’arto si sgonfi per approfondire gli accertamenti”.

Viareggio – “Sono una squadra che non attraversa un momento felice, ma guai ad abbassare l’attenzione. Sono consapevoli di lottare per la salvezza e hanno reso sempre la vita dura a tutti gli avversari perdendo sempre con il minimo scarto. Hanno meno punti di quanti meritano e in casa sono un osso duro”.

Preparazione del match – “Non è semplice stabilire un atattica ben precisa in queste circostanze perché c’è ancora tanta incertezza. Bertolucci è a Viareggio da tanto tempo e conosce bene l’ambiente. Sotto il profilo tattico non so ancora come si disporranno in campo e che tipo di variazioni di modulo potrebbero esserci”.

Sorrento – “Alla squadra ho chiesto semplicemente di ripetere la prestazione del secondo tempo contro il Carpi per intensità e voglia di imporsi. Siamo leggermente in emergenza dietro, ma abbiamo giocatori validi che possono sostituire i compagni. E’ una partita a rischio, il Carpi ci ha perso e il Como ha lottato sino alla fine per vincere. Noi potremmo correre il rischio di leggere la classifica e adagiarci. Sono partite molto più incerte di quello che ci si possa aspettare. spero che la squadra dia un segnale forte”.

Tirare fuori i lati negativi -“Al di là dell’ambiente toccherà a noi forzare e tirare fuori le paure degli avversari. Dobbiamo partire forte per evidenziare i loro limiti. Determinati, alti e vogliosi come il secondo tempo di domenica. Dobbiamo trovare le nostre certezze e toglierle agli avversari”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Formazione – “Croce ha avuto un problema al collo domenica scorsa che ha influito sul suo rendimento contro il Carpi. Sicuramente arriverà anche il momento di Basso che è stato sfortunato. Mi fa piacere che Sabato possa avere l’opportunità di cogliere il momento perché si è sempre allenato al meglio con grande spirito di sacrificio”.

L’attacco -” Tra chi ho ne devo scegliere due e gli altri vanno in panchina. Se poi consideriamo che Carlini può fare anche per alcuni frangenti l’esterno ci sono soluzioni varie. Sino a questo momento ha avuto un rendimento ottimo e sta tornando sui suoi standard. Se dovesse giocare esterno fisso, il ruolo potrebbe incidere sul suo rendimento. Non ha ancora segnato, ma solo per sfortuna”.

“Dobbiamo fare emergere le loro paure”, dichiara il tecnico

Finalmente in trasferta – “Abbiamo reso bene anche in casa vincendo le ultime tre. Per me i punti sono punti. Io voglio una squadra che abbia sempre lo stesso atteggiamento tra le mura amiche e lontano dall’Italia. Ci sono dei presupposti per cui l’atteggiamento possa essere differente vedi il sintetico”.

La svolta – “La partia con il Taranto ci ha fatto rendere conto di essere una squadra. Giocare contro chi è insieme da oltre un anno e che era imbattuto fuori da nove mesi ha fatto crescere la consapevolezza nostra. I giocatori sono stati bravi a leggere le situazioni in quel momento e ne abbiamo tratto giovamento”.

La classifica – “Al momento non la guardo, ha poco significato anche se si sono avvantaggiate squadre che erano date per favorite. Per com’è il campionato, ma dobbiamo fare la corsa su noi stessi.Noi dobbiamo sempre cercare il risultato e accettare il risultato del campo”.

La chat dei segnali – “Sta tornando fuori Corsetti dopo un periodo difficile. E’ stato costretto a giocare in un momento particolare e lo ha sofferto sotto l’aspetto mentale. Nell’ultima settimana l’ho visto diverso”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!