Vanin esalta l’attacco rossonero: “Ribaltata una partita non facile”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Assist decisivo per Vanin contro il Carpi

Sorrento – Il capitano Ronaldo Vanin domenica, nella vittoria in rimonta contro il Carpi per 2-1, ha servito un assist importantissimo: suo il passaggio per il sesto gol in campionato di Ciro Ginestra che ha siglato il pareggio contro una squadra ben messa in campo. L’analisi della partita della fascia rossonera è molto lucida: «Nel primo tempo siamo stati un po’ scolastici e semplici – ammette – , abbiamo rischiato, non c’eravamo mentalmente. Nel secondo tempo siamo cresciuti in tutti i sensi, siamo riusciti a ribaltare una partita non facile con un Carpi che è forse la squadra più in forma del campionato in questo momento. In casa poi non potevamo perdere, dobbiamo fare nostre tutte le partite». Il terzino ha solo elogi per il reparto avanzato della squadra: facile rimettere in piedi una partita come quella di domenica con punte così. «In avanti sono in quattro e sono tutti attaccanti fortissimi che possono decidere la gara in qualsiasi momento – spiega Vanin -. L’ingresso di Carlini ha cambiato il ritmo, Ginestra e Scappini hanno approfittato dell’occasione avuta, Galabinov ha colpito il palo. Sono importanti come tutti gli altri giocatori di questo Sorrento». Ronaldo, come detto, ha firmato un passaggio decisivo: lo si vede trottare spesso in zona d’attacco dove sta quest’anno è davvero pericoloso. «Ora mi trovo benissimo, all’inizio ho dovuto memorizzare schemi e movimenti del nuovo allenatore ma adesso va molto meglio, con il tempo vengono fuori i risultati».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!