Rossi:”Stiamo crescendo, fateci lavorare”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

"Stiamo crescendo, presto ne vedremo delle belle", il Rossi pensiero

Sorrento – E’ stato una delle pedina da cui è ripartita l’avventura del Sorrento Calcio, Generoso Rossi, che è stato confermato come estremo difensore costiero.
Il portiere nativo di Torre Annunziata  si è confermato come uno dei senatori del gruppo storico e al momento la tifoseria attende ancora una sua scenografia per festeggiare la vittoria tra le mura amiche dell’Italia.
« Il  Sorrento ha solo un obiettivo: migliorarsi partita dopo partita e migliorare il risultato dello scorso anno, raggiungendo quello che non abbiamo raggiunto l’anno scorso – dichiara Rossi -. C’è comunque ancora tanta strada da fare, partendo dalla prestazione di domenica dove si è vista una squadra cattiva, vogliosa. Questa è la strada giusta».
Il Taranto ormai alle spalle, ma di certo nella mente la prestazione che ha garantito ai costieri di intascare un punto e non subire reti per la seconda volta in stagione dopo la vittoria di Monza.
«Abbiamo semplicemente applicato quello che vuole il mister – commenta il portiere -. Io credo che i campionati si vincono avendo una solidità difensiva. Domenica questa squadra solida l’abbiamo vista e da lì dobbiamo ripartire».
I costieri sono a ridosso della zona play-off, ma il potenziale dei rossoneri è certamente superiore di quanto fatto vedere in questo avvio di campionato. Gli addetti ai lavori posizionavano il Sorrento nelle posizioni di vertice per cui si ci poteva aspettare di meglio.
«Si deve fare meglio, assolutamente – spiega l’ex Gallipoli -. Stiamo lavorando ed amalgamandoci partita dopo partita. Col tempo credo che il Sorrento potrà diventare una delle squadre protagoniste di questo campionato. Poi, c’è un fattore importante: dobbiamo lavorare tranquilli e sereni. I risultati arriveranno».

"Ad Avellino dobbiamo fare la nostra gara"

Il prossimo avversario si chiama Avellino, che è reduce dal successo in trasferta contro il Viareggio fanalino di coda del girone A. i bianco verdi sembrano che abbiano superato le difficoltà per cui non c’è da fidarsi.
« L’Avellino è un ottima squadra e sta facendo un buon campionato – continua l’estremo difensore -. Dobbiamo andare lì con la mentalità giusta e con la tranquillità e la serenità che ci sta accompagnando in questi giorni. Dobbiamo andare lì e cercare di fare la gara».
Dal punto di vista psicologico il Sorrento potrebbe subire la pressione di una stagione che li vede condannati a vincere, ma il pipelet costiero rilancia al mittente le illazioni.
« Abbiamo tanta voglia di vincere, d’altronde questa squadra è stata creata per vincere – conclude Rossi -. Con questa mentalità dobbiamo raggiungere il primo obiettivo, che è quello di raggiungere i play-off. Poi. Una volta in ballo, balleremo… ».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!