Il Massa cala il tris d’assi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Non si è fatto mancare nulla per l’esordio casalingo in Eccellenza il Massa Lubrense del presidente De Gregorio. Fuochi d’artificio prima del match e nel corso della gara contro il malcapitato Ippogrifo, che scende in campo al Cerulli con la voglia di ben figurare, ma le cui velleità vengono spente da un furente avvio dei padroni di casa.
Tre goals, tre punti tre espulsioni e molte occasioni gettate alle ortiche per i nero azzurri di Miniero, che con un primo tempo pressoché perfetto mettono nell’angolo la seconda della classe dello scorso campionato di Eccellenza.
Parte a razzo la squadra di casa che già al quinto festeggia la prima rete nella nuova categoria con De Stefano che ribadisce in rete la respinta di Peluso.
Corti e tignosi i ragazzi di Miniero, che sia chiaro puntano a una salvezza anticipata, pressano i portatori di palla dei salernitani in ogni zona del campo e appena riescono a entrare in possesso di palla cercano la verticalizzazione sfruttando le indecisioni della coppia centrale Balestrino-Crispo.
L’ennesimo errore dei due centrali dell’Ippogrifo provoca l’espulsione del portiere Peluso, che stende al limite Iovino lanciato a rete. Minimo sforzo, massimo guadagno con Cappiello, che complice una deviazione della barriera raddoppia.
L’avvio della ripresa chiude la gara in favore dei nero azzurri. Di Falco commette un fallo di reazione e complice qualche parolina di troppo viene espulso da Monda.
Due uomini e due reti in più per il Massa che non pago sfiora la goleada con Iovino, Vincenzo Esposito, che scheggia il palo e Porzio che centra la traversa dal limite dell’area. Sirico tiene i suoi nel match finché può con buoni interventi, ma sul finire del match capitola anche lui.
Il tris per i padroni di casa è servito in chiusura di match con il giovane Esposito, che duetta con Porzio e fredda Sirico in uscita.
L’ennesimo buco della retroguardia sarnese provoca la seconda espulsione del portiere dell’Ippogrifo, che chiude il match in otto uomini e può solo rammaricarsi con se stesso considerato l’eccessivo nervosismo messo in campo nel corso dell’intera partita.
Il Massa festeggia e si regala anche Raffaele D’Esposito ultimo acquisto del mercato estivo che chiudeva ieri i battenti per i dilettanti.

Massa Lubrense – Ippogrifo Sarno 3-0

Massa Lubrense: Fiorentino sv, Zapparella 6 (2’st Siniscalchi 6), Gargiulo 6 (32‘st Cardinale sv), Cappiello A 6.5, Bagnulo 6, Autiero 6, Porzio 6.5, Vinaccia 6.5, De Stefano 6.5, Esposito V 6.5, Iovino 6.5 (19‘st Festa 6). A disposizione: Spasiano, Cuomo, Cappiello L, Balduccelli.
Allenatore: sig. Miniero 6.5
Ippogrifo Sarno: Peluso sv, Esposito  5(26’st Guaraschelli), Palazzo 5.5, Di Falco 4, Balestrino 5, Crispo 5, Casillo 5.5, Amodio sv (14’pt Sirico 6), Polise 6, Arpino 5(14’st Guariniello), Vitiello 5. A disposizione: Accardo, Pannullo, Sorrentino, Evacuo.
Allenatore: sig. Pastore 5
Arbitro: sig. Monda di Napoli
Marcatori: 5’pt De Stefano (M), 15’pt Cappiello A (M), 37’st Esposito V (M)
Note: spettatori 100 circa. Ammoniti: Palazzo, Vitiello, Esposito V, Guariniello. Espulsi: Peluso, Di Falco e Sirico. Angoli: 9-2 per il Massa Lubrense. Recupero: 4’pt, 3’st

 ® Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!