Il gigante Galabinov: “Felice per la rete, questa partita meritavamo di vincerla!”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – L’uomo del giorno in casa rossonera è senza dubbio il bulgaro Andrej Galabinov, autore della rete del 2-1 nel pareggio interno con il Pavia. Sei minuti per centrare il primo bersaglio in costiera, sei minuti per entrare nel cuore dei tifosi sorrentini. Il gigante proveniente dal Livorno giudica così la sua gara e la sua rete.
«E’ una bella sensazione entrare e far gol come in occasione del 2-1, purtroppo però non è bastato alla squadra».
Andrej ha le idee chiarissime sulla partita.
«Questa partita meritavamo sicuramente di vincerla – spiega convinto l’attaccante – ma nel calcio non serve quello che crei ma solo il numero delle reti. Un pizzico di sfortuna ci ha penalizzato».
Galabinov non poteva iniziare la sua avventura casalinga in campionato in modo migliore; così racconta i suoi primi giorni in penisola: «Mi sono ambientato bene, i compagni sono bravissimi, di certo si migliora sempre giocando, speriamo bene…». Un ringraziamento anche all’autore dell’assist per la bella rete, il capitano rossonero Ronaldo Vanin, autore di una bella prestazione, soprattutto in fase offensiva. «Mi ha dato una bella palla, mi ha visto benissimo, poi Ciro Ginestra l’ha fatta scorrere e quando hai la palla lì a tu per tu con il portiere è difficile sbagliare, si cerca la porta d’istinto».

® Riproduzione riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!