Al via il 23mo Trofeo Eduardo De Martino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Anche quest’anno si rinnova nel golfo di Sorrento il consueto appuntamento con il “Trofeo Eduardo De Martino”, raduno velico per scafi d’epoca organizzato dal comitato fondatore e dall’associazione velico culturale Asso vel’a tarchia, giunto quest’anno alla sua ventitreesima edizione; la manifestazione, definita dalla rivista specializzata Yacht Digest (anno 2005, n. 3) come “..il più importante evento nazionale dedicato alle barche d’epoca del Meridione..”, patrocinata dai Comuni di Sorrento e Meta e dall’Ente “Area Marina Protetta Punta Campanella” ed inserita nel calendario eventi della “Sorrento Fondazione”, si svolgerà nel secondo week-end di settembre, precisamente nei giorni 9, 10 ed 11, nelle acque del golfo di Sorrento, ed avrà il suo centro organizzativo nell’area del suo porto turistico.
Programma – Il programma della kermesse, che ha quale unico scopo ed intento la valorizzazione delle numerose imbarcazioni d’epoca italiane  prevede un doppio appuntamento agonistico, regate nei giorni 10 (sabato) e 11 (domenica), prove di marineria lungo l’intera banchina e la caratteristica “cena degli equipaggi”, il tutto caratterizzato da un’ unico motivo conduttore: sobrietà, semplicità e tradizione.
Quest’anno l’evento sarà impreziosito dal saluto del più antico veliero della Marina Militare Italiana “Amerigo Vespucci”, che sarà a Castellammare di Stabia dal 13 settembre per i festeggiamenti in onore degli ottanta anni dal varo presso il glorioso sito di Fincantieri; a salutare la regina delle vele d’epoca saranno circa 30 imbarcazioni, pronte a sfidare il veloce gozzo a vela latina “Santa Rosa” vincitore dell’ultima edizione; arriveranno da circoli ed associazioni campane e nazionali, dalle flotte più numerose di Meta, con l’Associazione Amici del Mare ed il Circolo F.I.V. Marina di Alimuri,  e Sorrento, con l’Asso vel’a Tarchia, ai circoli nautici di Pisciotta e Salerno, senza dimenticarela Lega Navale di Castellammare di Stabia ed i borghi marinari di Massa Lubrense, Marina della Lobra e Nerano, per concludere con la punta del Golfo di Napoli, con la città di Cuma, che sarà presente con tre gozzi a vela latina.
L’evento sarà impreziosito dalla proiezione di una serie di documentari, tesi alla valorizzazione del connubio artistico tra gli antichi armi velici della penisola sorrentina e le testimonianze archeologiche marittime, visibili durante le veleggiate; le rappresentazioni cinematografiche, “La Battaglia di Trafalgar nei dipinti di Eduardo De Martino” e “Marco Vipsanio Agrippa, da Azio alla Villa imperiale di Sorrento”, saranno introdotte da esperti professionisti del settore, marittimo ed archeologico.
Il Trofeo Eduardo De Martino costituisce il fiore all’occhiello del “Programma vela e cultura 2011” dell’associazione Asso vel’a tarchia, presieduta dal Comandante Giancarlo Antonetti, che da anni si batte per la tutela e valorizzazione del patrimonio marinaro della penisola sorrentina; la manifestazione, infatti, costituisce l’appendice dei “Corsi di Vela Latina” organizzati dalla stessa associazione, durante il mese di agosto nello specchio acqueo in concessione in Sorrento, località Marina di San Francesco, e fungerà da banco di prova per gli allievi più meritevoli.
Appuntamento, quindi, a Sorrento dal 9 all’11 settembre, e buon vento a tutti gli amanti di questo modo naturale e poetico di vivere il mare.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!