Sorrento, patron Mario ha fatto il suo. Adesso tocca agli altri ‘attori’. Sindaco in primis…

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

FONTE SOLO SORRENTO – SALVATORE DARE, cronista Metropolis – Il Sorrento è uscito tirato a lucido da un’estate iniziata male, con i playoff per il salto in serie B persi in malo modo nella doppia semifinale col Verona e l’immediato avvio di una crisi dirigenziale che ha visto, inizialmente, il presidente Mario Gambardella intenzionato a mollare tutto. Ma l’intervento dell’armatore Gianluigi Aponte – patron sorrentino del main sponsor Msc – ha contribuito “moralmente ed economicamente” (come ha chiarito la sera della presentazione proprio il presidente), a rilanciare le ambizioni. Ora è tutto dimenticato, si guarda avanti.
Dal mercato è uscita fuori una squadra forte, competitiva, compatta. Che ha tanta voglia di dire la sua nel campionato che sta per iniziare e per riuscirci deve centrare quell’obiettivo della B l’anno scorso a tratti così vicino e poi sfumato sul filo di lana. Acquisti di qualità, di spessore, che rendono la squadra guidata dal nuovo allenatore, Maurizio Sarri, davvero una…corazzata. Insomma, la dirigenza ha fatto appieno il suo dovere. Ora tocca a tutti, agli altri, fare il proprio. Partendo innanzitutto dalla squadra e dall’allenatore, che hanno avuto massima fiducia dalla proprietà ed ora ripartono col vento in poppa. Passando per i tifosi, chiamati a stare vicino a questo Sorrento affamato di vittorie e successi, a seguirlo con maggior seguito in casa e fuori, accendendo la passione. E soprattutto dimostrando il proprio calore quotidianamente. Aver sottoscritto solamente 120 abbonamenti, finora, sembra davvero un autogol. Una squadra così e una dirigenza così meritano molto di più.
Senza dimenticare che il suo lo deve fare ovviamente anche l’amministrazione comunale. Il sindaco Cuomo e i membri della maggioranza, più volte nell’ultimo anno e mezzo, hanno annunciato a destra e a manca il restyling capillare del campo Italia con un allargamento della superficie di gioco. Ma non ci sono al momento progetti esecutivi e l’avvio dei lavori per la prossima estate – così come annunciò Cuomo solo tre mesi fa – non sembra un termine alla portata. Bisogna garantire un futuro al calcio a Sorrento e, principalmente, assicurarlo a certi livelli. Qui il Comune di Sorrento ha il dovere di mettersi in prima linea senza troppi giri di parole. E’ così che si può sognare. E’ questo che la tifoseria chiede da tempo. In bocca al lupo, Sorrento!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!