Vico quanti complimenti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il tecnico De Simone (primo da destra)

Sorrento – E’ stato un coro di complimenti quello che ha raccolto il Città di Vico Equense al termine dell’amichevole contro il Sorrento all’Italia. Il risultato finale, 7-0 per i rossoneri,  non conta, ma resta l’impressione fatta dalla compagine di De Simone contro un team di giocatori professionisti, che nel 2011/12 dovrà dare l’assalto alle posizioni di vertice della Lega Pro.
I bianco rossi del presidente Savarese hanno optato per una tattica stile Spagna. Infatti, tanto possesso palla per i vicani e guadagno in campo solo attraverso lo sviluppo del gioco. Per essere da vertice in Promozione manca ancora qualcosa, ma la fiducia è tanta.
Una punta forte e valida la categoria, un centrocampista e per il Vico potrà essere una nuova stagione di vertice.
«Manca ancora qualcosa, ma siamo davvero sulla strada giusta – commenta Francesco De Simone-. Credo che nella prima parte di gara abbiamo messo in difficoltà il Sorrento. Abreve credo che ci saranno delle novità».

Soddisfatto al di là del risultato Francesco De Simone

Sulla prova dei bianco rossi dice la sua anche il ds dei rossoneri Salvatore Avallone.
«Una squadra organizzata, che ci ha costretto a venir su e fare pressing – spiega -. Nel primo tempo tutti hanno dovuto dare il massimo per realizzare le due reti del vantaggio».
Il tecnico per evitare infortuni è dovuto ricorrere in massa ai cambi dando spazio ai suoi giovani Juniores. A quel punto per caratteristiche fisiche e tecniche il Sorrento è venuto fuori realizzando altre cinque marcature.
«I cambi sono dovuti alla precauzione – conclude O’Black -. Ho dato spazio a tutti per evitare che potessero verificarsi infortuni».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!