Sorrento, ecco come le sentenze di Last Bet ti cambiano il girone

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il procuratore federale Stefano Palazzi

Così come ampiamente preventivato, le sentenze emesse questo pomeriggio dalla Federcalcio al termine della Camera di Consiglio della Commissione Disciplinare in merito allo scandalo del calcio-scommesse hanno rispecchiato quasi fedelmente le richieste di pena del procuratore federale Stefano Palazzi, scombussolando così anche il girone A di Prima Divisione, in cui è stato inserito anche il Sorrento.
ALESSANDRIA RETROCESSA, MONZA AL SUO POSTO? La spada di Damocle che pendeva sulla testa dell’Alessandria si è trasformata da pericolo potenziale ad atto: per la squadra della neo presidentessa Paola Debernardi, infatti, l’organismo presieduto da Sergio Artico ha sposato in pieno la richiesta di Palazzi, infliggendo ai ‘grigi’ la retrocessione in Seconda Divisione. A beneficiare del posto lasciato libero dalla compagine alessandrina dovrebbe essere il Monza di mister Gianfranco Motta, prima delle squadre la cui domanda di ripescaggio non è stata accolta lo scorso 4 agosto, quando sono stati ufficializzati i gironi di Lega Pro.
BIG PENALIZZATE. E’ andata molto meglio a Benevento, Reggiana e Taranto. In particolare, i sanniti dell’ex tecnico rossonero Gianni Simonelli devono ringraziare l’avvocato Eduardo Chiacchio che con la sua arringa difensiva è riuscito a far scendere a 9 i punti di penalizzazione per il Benevento, per cui Palazzi, inizialmente, ne aveva richiesti 14, con 30mila euro di ammenda. Nessuno sconto, invece, per Reggiana (2 punti), Taranto ed Esperia Viareggio (1 punto).
CORSA AL…RICORSO. La querelle, però, non è ancora conclusa: le squadre penalizzate hanno tempo 48 ore per presentare ricorso avverso la sentenza presso la Corte di Giustizia federale, che si riunirà già martedì 16. Insomma, la parola fine non è stata ancora posta.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!