Sorrento, senti il tuo capitano: ‘Passiamo il turno senza indugi’

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Domani sera, contro i dilettanti del Tamai, sfoggerà con orgoglio sul braccio destro quella fascia di capitano lasciatagli in eredità da Attilio Nicodemo, che a breve si accaserà ufficialmente alla Paganese.

Davanti alla sua gente, che cinque anni fa lo ha accolto con rispetto e simpatia, dovrà dimostrare, prima a se stesso e poi agli altri, di meritarsi quei gradi di capitano che lo spogliatoio, senza indugi, gli ha affibbiato. Una fascia che pesa quella sul braccio di Ronaldo Vanin. Ma che allo stesso tempo può rappresentare un ulteriore stimolo per migliorare il già ottimo rendimento delle scorse stagioni: ‘Essere il capitano di questa squadra – confida il terzino brasiliano – mi riempie di orgoglio, perché si tratta di un traguardo importante della mia carriera. Ciò non toglie, però, che debba comunque ancora migliorare sotto tanti aspetti, anche per riuscire a sopportare il peso dello spogliatoio che, inevitabilmente, un buon capitano deve saper gestire. A tal fine, mi aiuteranno le esperienze passate e l’esempio di Attilio Nicodemo, che oltre ad un grande capitano è stato anche e soprattutto un grande uomo’.

Il primo turno eliminatorio della Tim Cup rappresenta quindi per Vanin un doppio banco di prova. Se da una parte ci sono da gestire le emozioni che il debutto da capitano comporterà, dall’altra c’è da fare i conti con una preparazione dura fatta sulle colline di San Quirico d’Orcia che senza dubbio inciderà parecchio sulla prestazione dei ragazzi in camiseta rossonera: ‘In ritiro abbiamo lavorato tanto e bene – conferma il capitano dei rossoneri – ma sicuramente c’è ancora da migliorare’. In primis l’affiatamento con i compagni di reparto (cambiati per metà) e l’assimilazione degli schemi che Sarri vuole vengano applicati in partita: ‘Nella sfida amichevole contro l’Arezzo Est siamo andati molto bene, ma contro il Tamai dovremmo fare ancora meglio: è il primo appuntamento che conta e vogliamo assolutamente passare il turno’. Parola di capitano.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!