Sorrento, Paulinho e quella pazza idea di tornare

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Paulo Sergio Bettanin, in arte Paulinho

Fonte: Metropolis quotidiano – Molto spesso si dice che i brasiliani soffrano di saudade. Vengono presi dalla malinconia. Si sentono avvolgere da quella irrefrenabile nostalgia della terra, la loro terra. Paulinho, in effetti, è brasiliano anche lui. E da qualche giorno è tornato al Livorno, in B, dopo due incredibili annate a Sorrento. Lavora sodo, si impegna, piace un “casino” a mister Novellino. Ma non sorride. Da Livorno Paulinho vuole andarsene in fretta e salutare tutti al più presto, per sempre. Ad accoglierlo a braccia aperte lo vorrebbero in tanti. Anche in serie A (Bologna) ed in Spagna (Espanyol) senza dimenticare le sirene di Benevento, dove Simonelli farebbe carte false pur di ritrovarselo in avanti.
In pochi, però, durante il mercato estivo si sono avvicinati per davvero al bomber. Costa molto Paulinho, forse parecchio: la valutazione secca è di 4 milioni di euro, fate 2 per la metà. Lui, sia chiaro, non ne fa una questione di soldi. Vuole ridere, scherzare, divertirsi, fermarsi a discutere coi tifosi di come stanno le cose e, magari, raccontare di come cresce il suo pargoletto, Yann Matheus, che la moglie Maynara ha dato alla luce a fine maggio. A Livorno i dirigenti hanno provato ad ovattarlo, a convincerlo a rimanere, con stima e fiducia. Però la “malattia” c’è. E sembra inguaribile.

Paulinho ha la saudade. Sia chiaro, non soffre la lontananza dal Brasile. Ma quella da Sorrento. Sì, da Sorrento. Paulinho, insomma, vuole tornare in costiera. No, non è una forzatura. E’ la sacrosanta verità che il bomber ha raccontato l’altro giorno al presidente del Livorno, Aldo Spinelli. E’ la volontà che ha espresso a chiare lettere anche ai dirigenti del Sorrento nelle ultime ore. Che dalle indiscrezioni emerse in città pare che quasi ogni mattina contatti personalmente per ‘incoraggiarli’ all’impresa. Sì, perché riprendere Paulinho – al momento – è pura utopia. Certo, le volontà ci sono, da una parte e dall’altra. Intenzioni che però non collimano con le legittime velleità del Livorno (che s’oppone al prestito). Prendere Paulinho, in comproprietà, significa concludere un affare da 2 milioni di euro. Una cifra proibitiva per molti.
Il Sorrento, intanto, ha raccolto l’apertura di Paulinho. Che pare non importarsene troppo di ritornare in Lega pro. I costi però sono da capogiro. “Lo riprenderei ad occhi chiusi ma la valutazione è fuori mercato – premette il presidente rossonero Gambardella -. Sentimentalmente lo riaccoglierei felice, con tutto l’amore e l’affetto che si può provare per un ragazzo che ha dato tantissimo al Sorrento in due anni fantastici. Ma non illudiamoci. E’ un sogno, punto e basta. Per tanti motivi credo che il ritorno di Paulinho sia una bella fantasia. Che rimarrà tale. Economicamente è una trattativa impossibile, che ci farebbe dissanguare. Prima il bilancio poi la squadra”. Voci su voci che si rincorrono, che s’intrecciano. La suggestiva ipotesi di rivedere Paulinho in rossonero sta già facendo sognare Sorrento. E sul social network Facebook “Torna a Surriento” – la canzone composta dai fratelli De Curtis – sta diventando un tormentone. “Ma nun me lassà, nun darme stu turmiento! Torna a Surriento, famme campà!”.

Fonte: Metropolis quotidiano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!