Con Aramis Romeo difesa ok

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Samuele Romeo (a destra) con Daniele Croce

Sorrento – Il più giovane dei moschettieri giunti a Sorrento, Samuele Romeo, siciliano doc, nato a Palermo puntellerà la difesa che dovrà fare meglio di quella della passata stagione.
Con la maglia rosanero ha fatto tutta la trafila delle giovanili sino alle ultime due stagioni quando la società del presidente Zamparini lo ha mandato in prestito per farsi le ossa prima a Lumezzane e poi con l’Alessandria dove ha incontrato mister Sarri.
Su di lui il Sorrento ha investito forte strappandolo ai siciliani a titolo definitivo e proponendo a Samuele un biennale con scadenza 2013.
«Il Sorrento ha investito su di me e dovrò fare di tutto per ripagare la fiducia della società». Sono queste le prima parole di Romeo giunto in Costiera dopo le 29 presenza della scorsa stagione con i grigi piemontesi e un destino comune con i rossoneri, ovvero, l’eliminazione nelle semifinali play-off per accedere alla serie B.
«Sono felice della scelta fatta – afferma il roccioso difensore siculo -. Ho voglia di fare bene e dimostrare sin dagli allenamenti la mia applicazione e la mia voglia, ma soprattutto sarà il campo a parlare per me».

Romeo con la maglia dell’Alessandria nell’incontro perso dai grigi 4-3 a Sorrento

Una rete in 38 presenze nella Prima Divisione di Lega Pro questo il curriculum del difensore palermitano che potrà essere utilizzato sia come difensore centrale sia come esterno di destra.
«Mi adatto a giocare nelle due posizioni, ma preferisco essere utilizzato come centrale – dichiara Romeo -. Mi piace poter vedere il gioco e non disdegno di uscire palla al piede per poter dare una mano ai compagni nell’impostare l’azione».
La giovane età non lo spaventa considerate le ambizioni della società, che sebbene parli di programma biennale punta a recitare un ruolo da protagonista nel corso della prossima annata. A integrarsi e migliorare potrà contribuire anche l’esperto difensore Ernesto Terra che Sarri ha già avuto alle sue dipendenze ad Arezzo.
«Sarà importante l’aiuto di Ernesto (Terra ndr) che con la sua esperienza potrà consigliarmi – conclude Romeo -. Di certo andremo d’accordo anche perché è un ottimo ragazzo».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!