Il Sorrento presenta i quattro moschettieri: Camillucci, Croce, Romeo e Ginestra

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

I quattro moschettieri con il ds Avallone e il vice presidente Mastellone

Sorrento – Sono stati presentati nella sala stampa dello stadio Italia i nuovi quattro moschettieri del Sorrento calcio. Tanti sorrisi prima di gettarsi anima e corpo negli allenamenti pomeridiani per Croce, Camillucci, Romeo e Ginestra.
Croce – Individuati da Sarri e Gambardella come rinforzi utili nello scacchiere tattico del mister di Montecatini, Camillucci e Croce sono giunti in Costiera per puntellare la mediana e il ruolo di esterno.
«E’ una piazza importante – afferma Croce -. Arrivo dopo un po’ in una società con la quale negli scorsi anni il trasferimento non si è mai concretizzato per un soffio».
Idee chiare per l’esterno sinistro che piace molto alla dirigenza e al tecnico. Il mister lo ha utilizzato sulla corsia mancina nei tre alle spalle dell’unica punta, lo scorso anno, perché sa coprire quel ruolo come pochi.
«Sono un esterno che può giocare su entrambe le fasce – continua l’ex Alessandria -. La società ha un progetto serio ed è ambiziosa ci sono i presupposti per puntare al vertice».

Cristiano Camillucci – Il centrocampista giunge al Sorrento dopo una corte serrata che ha visto prevalere i costieri sul Benevento dell’ex tecnico Simonelli. Una storia strana quella del centrocampista umbro che ha sempre inseguito Sarri ed ora lavorerà con lui per il secondo anno consecutivo.
«Il mister per la categoria può fare la differenza – dichiara Camillucci -. Ha grande personalità e riesce a dare la sua impronta alla squadra».
Come il Sorrento anche il mediano ha visto sfumare il sogno B nelle semifinali play-off con i grigi piemontesi, ma ora punta al riscatto.
«Abbiamo entrambi perso in semifinale – spiega il prossimo numero quattro -. Quest’anno con maggiore personalità e più grinta potremo rifarci».
Romeo – Su Romeo il Sorrento ha investito forte. Infatti, i rossoneri lo hanno prelevato a titolo definitivo dal Palermo. L’ex Alessandria ha firmato un biennale con la società di via Califano per puntare a migliorare i risultati della scorsa annata.
«Sono contento della scelta fatta – dice il difensore -. L’obiettivo è di fare bene in allenamento e di ripetere le prestazioni in campionato per raggiungere la serie B. Mi adatto esterno, ma gradisco giocare centrale».
Ginestra – Una trattativa lampo ha condotto Ciro Ginestra alla corte della famiglia Gambardella e mister Sarri. L’attaccante napoletano giunge a Sorrento dopo due anni in cui ci è andato vicino.
«Arrivo con un paio di anni di ritardo a Sorrento – dichiara Ginestra -. C’è l’entusiasmo giusto e cercheremo di fare un ottimo campionato».
Sei goal al suo attivo a Crotone con Menichini in panchina, poi i problemi sino a fine stagione, ma l’attaccante di Pozzuoli è in rampa di lancio e torna sul sintetico dopo l’esperienza di Gallipoli.
«Ho tanta voglia di riscatto dopo una annata un po’ travagliata- conclude il bomber -. È la prima volta che gioco in Campania, ma sul sintetico di Gallipoli ho già conquistato la promozione».
Dopo la seduta pomeridiana di ieri il Sorrento partirà oggi alla volta di San Quirico d’Orcia dove agli ordini dello staff tecnico i rossoneri inizieranno la preparazione in vista del primo impegno ufficiale il 7 agosto nella Coppa Italia Tim.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!