“Premio ExC”, passerella e commozione per le glorie del calcio vicano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il premio a Nello Savarese, presidente che ha portato il Vico tra i professionisti

Vico Equense – Vecchie glorie e giovani promesse sul palco del “Premio Vico ExC”, organizzato da Ciro De Gennaro e dal circolo sportivo culturale “Città di Vico Equense” con il patrocinio della Regione Campania e del comune costiero. Centinaia gli atleti ed ex atleti che hanno partecipato alla manifestazione, alcuni giunti anche dalle più svariate parti d’Italia. Emozione e commozione già dal primo pomeriggio quando, al termine della messa officiata dal parroco Don Fabio Savarese, i calciatori degli anni che furono hanno ritrovato compagni di squadra persi di vista da decenni, cercando di rintracciare nomi e somiglianze coi volti serbati nella memoria di decenni prima. Tutti  hanno ritrovato un amico, un compagno di reparto, ricordando con affetto e nostalgia i compagni di squadra e i dirigenti già scomparsi.

La premiazione – Dopo aver parzialmente ricomposto le squadre del passato, i calciatori hanno poi sfilato sul palco dell’Istituto SS. Trinità divisi per annate per avere il Premio “ExC”, una lastra in forex con il logo della manifestazione, riprodotto anche sull’annullo filatelico dedicato. Momenti di musica e spettacolo hanno animato la serata alternandosi allo sport. Altro momento di forte commozione la premiazione dei più anziani calciatori vicani, entrambi pescatori della marina di Vico: Salvatore Sorrentino (detto “Pappuzzo”), 91 anni, e Luca Manganaro (detto “Baloncelli”), 100 anni a novembre, una vita divisa tra campi di calcio, pesca nei mari costieri e del Nord Europa con una parentesi da soldato nella guerra di Etiopia.

Anche l’atletica sotto i riflettori– Nel corso dell’evento spazio anche all’atletica per premiare Alfredo Norvello, maratoneta di

Foto di gruppo per i giocatori dal 1958 al 1967

Seiano, che ha conquistato domenica scorsa la medaglia d’argento ai mondiali master di Maratona nella città californiana di Sacramento. Si tratta della seconda medaglia importante per l’atletica vicana dopo l’oro agli Europei del 2002 di Maria Guida, risultati eccezionali ottenuti nonostante l’assenza di strutture idonee agli allenamenti.

Tanta passione, nessuna struttura adeguata–  Il problema della carenza di impianti si fa sentire anche per quanto riguarda l’allestimento di un campo di calcio adeguato alle serie superiori: il concetto è stato ribadito con forza sia dalla famiglia Savarese, attuale proprietaria della squadra cittadina, che dagli allenatori degli anni recenti, tra cui Giovanni Macera e Giovanni Ferraro che ha sottolineato che “le squadre sono beni comunali, un vero e proprio patrimonio

due tra i primi atleti che hanno vestito i colori sociali del Vico Equense

cittadino, per cui l’amministrazione deve stare vicino alla società”. Concetto ripreso anche dal presidente Nello Savarese, premiato dal circolo sportivo cittadino: “Se Comune e imprenditori ci danno una mano possiamo anche pensare a traguardi più importanti. In assenza di questa collaborazione si può solo pensare a salvaguardare la categoria di Promozione”. Da chi aspira a traguardi superiori a chi questi traguardi li ha già raggiunti: una coppa è stata infatti assegnata anche a Franco Manniello, presidente della Juve Stabia, per la recente promozione in serie B.

 Claudia Esposito 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!