Bar Syrenuse all’ultimo rigore

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Meta – Ha vinto il Bar Syrenuse al termine di una gara intensa e vibrante come non mai la Va edizione del Memorial Zio Pino, che si è disputata a Meta su campi dell’Evergreen. In finale gli all blacksi dei gemelli Derrick Maresca l’hanno spuntata su Intralot solo ai calci di rigore.
Al terzo posto si piazzano le Merengues che vincono a tavolino dopo la seconda rinuncia di Superò che dopo aver lasciato spazio al Bar Syrenuse nella semifinale, non gioca neppure la finalina.
Una partita vissuta su tanti capovolgimenti di risultato che prima sembrava aver preso, nuovamente, la strada di Intralot, poi quella del Bar Syrenuse, ma che alla fine i giovani costieri hanno vinto solo ai rigori.

La gara – Intralot si presenta in campo priva di alcuni uomini decisivi come Manzi e Cuomo, ma sembra non risentirne. Infatti, dopo la rete del vantaggio realizzata da Coluccio che sorprende Pinto con un tiro dalla distanza, sono tre le marcature messe a segno dai giallo blu. Pareggia Suarato abile a sfruttare un errore del difensore, saltare il portiere e depositare in rete, poi ancora il numero dieci di Intralot che griffa il torneo con il best goal della manifestazione. Il pivot riceve spalle alla porta, fa perno sul difensore e si gira da posizione defilata incrociando la conclusione che si insacca all’incrocio sul primo palo.
Passati in vantaggio i gialloblu piazzano anche la zampata che porta a due le reti di vantaggio sul 1-3. Bagnulo recupera palla in difesa imposta il contropiede e serve Di Martino che deposita in rete.
Nella ripresa la partenza degli all blacks è lanciata. In pochi minuti di gara tutto è di nuovo in parità. Infatti, Marcia realizza con il destro la rete che riapre i giochi, poi con una grande giocata sulla linea di fondo serve Gioacchino Maresca per il pari.
Emozioni a go-go – La partita diviene apertissima. A Intralot saltano i nervi, ma le due squadre si allungano per vincerla, ma i portieri diventano fondamentali. Pollio compie due interventi importanti, così come Pinto che in almeno tre circostanze salva i suoi.
La svolta del match potrebbe aversi a cinque minuti dal termine quando il Bar Syrenuse può calciare il primo tiro libero per passare in vantaggio. Il blitz in campo di un geco porta fortuna a Pinto, infatti, Marcia angola troppo il tiro e la palla esce sul fondo.
E’ ormai un incendio il match. Tutti vogliono vincere e quando allo scadere Coluccio va dai dieci metri per il tiro che vale il match tutti restano con il fiato sospeso. La rincorsa lunga non innervosisce Pinto, ma il tiro è fuori e si va ai supplementari.
La svolta –  Dopo pochi minuti del primo tempo supplementare viene espulso Suarato per proteste. Il Bar Syrenuse ha la terza opportunità per portarsi in vantaggio, ma Gioacchino Maresca centra la traversa a Pinto battuto.
Intralot è costretto a giocare in inferiorità numerica per due minuti e gli all blacks ne approfittano. Contropiede e gioco che libera Gioacchino Maresca per la rete che potrebbe valere il match.
Nel secondo tempo supplementare Intralot preme. Vuole impattare la gara, mentre il Bar Syrenuse rinuncia ad affondare e cerca di portarsi in avanti solo con contropiedi facili, ma non riesce a chiudere la gara. All’ultimo sussulto Limone da posizione defilatissima con un chirurgico rasoterra sorprende Pollio e rimanda tutto ai rigori.
I Penalties – Il Bar Syrenuse deve  limitare il numero di chi calcia per eguagliarsi con i gialloblu. A sorpresa nell’elenco consegnato al direttore di gara c’è Apreda, il secondo portiere, che nel quarto turno realizza con freddezza il proprio rigore. Ultimo della serie per Intralot va Pinto che calcia centrale e permette a Pollio di respingere. Il tiro decisivo è di Giuseppe Maresca che con il destro calcia a incrociare, Pinto tocca, ma nn riesce a deviare fuori dallo specchio per l’apoteosi del Bar Syrenuse.

Bar Syrenuse – Intralot 9-7 d.c.r (1-3; 3-3; 4-3; 4-4)
Marcatori: 2 Suarato (I), 2 Maresca Gio. (S), Marcia (S), Di Martino (I), Limone (I), Coluccio (S)
Serie di rigori – BarSyrenuse: Maresca Gio. (g), Ferraro E (g), Marcia (g), Apreda (g), Maresca Giu. (g); Intralot: Di Martino (g), Bagnulo (g), Limone (g), Pinto (parato)
Migliore in campo: Gioacchino Maresca

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!