Domenica parte il premio “Vico ExC”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – Un annullo filatelico per suggellare la storia del calcio a Vico Equense, un sigillo per commemorare la passione di generazioni di atleti che hanno giocato nella compagine cittadina e hanno anche raggiunto traguardi e successi. L’iniziativa è prevista nell’ambito dei festeggiamenti per il premio “Vico ExC”, in calendario da domenica 17 luglio fino al martedì successivo.
Si inizia con la mostra fotografica nella villetta comunale di via Nicotera, dove saranno esposte decine di foto e testimonianze d’epoca raccolte anche grazie al contributo di cittadini e appassionati. Previsti anche proiezione di filmati e intrattenimento musicale. Si continuerà quindi lunedì col torneo di calciobalilla per arrivare al clou dei festeggiamenti martedì 19. Fin dalla mattina sarà possibile ottenere l’annullo commemorativo nell’atrio della casa comunale di via Filangieri. Alle 18, messa solenne nella Chiesa parrocchiale dei Santi Ciro e Giovanni e, a seguire, il momento più atteso: nella villetta dell’Istituto SS. Trinità l’assegnazione dei premi “ExC” alle vecchie glorie del calcio vicano, giovanotti che hanno vestito la maglia fin dagli albori nel 1958, anno della prima iscrizione della squadra alla Figc.

Un amore partito da lontano – Una passione, quella del calcio, iniziata amatorialmente già negli anni ’20 quando ragazzi di tutte
le età si ritrovavano “miez a’ Dommene”, l’odierna piazza Marconi, per tirare due calci ad un pallone sognando di emulare le gesta dei campioni del mondo del 1934 e del 1938. Quell’abitudine continuò per anni, fino a quando la Seconda guerra mondiale non smorzò entusiasmi e passioni. Molti appesero gli scarpini al chiodo e partirono per il fronte, qualcuno senza fare più ritorno. Il calcio riprese vigore negli anni ’50 fino ad arrivare all’iscrizione della squadra alla federazione. Lo stadio di Massaquano aprirà però le porte solo nel 1968. Negli anni successivi, la compagine vicana milita con alterne vicende tra i campionati di Prima Categoria e Promozione.

Successi e rinascite di oggi – Nel 2003/’04 la squadra, diventata “Città di Vico Equense” dopo la fusione con le altre compagini cittadine, disputa per la prima volta nella sua storia il campionato di Eccellenza. Notevoli sforzi anche economici vengono fatti dalla società, retta dalla famiglia Savarese, per assicurare alla squadra il salto di qualità che avviene nel 2008 con la promozione in serie D. Un campionato sempre ai vertici permette al Vico di continuare a sognare e giungere in Seconda Divisione, un traguardo mai visto prima in città. Gli oneri economici crescenti, assieme all’handicap di non poter usufruire dello stadio di Massaquano, hanno interrotto l’ascesa della squadra che è ripartita dalla Prima categoria ottenendo quest’anno un’immediata promozione.

Claudia Esposito

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!