Autosport Sorrento piazzamenti e vittorie lungo lo Stivale

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Si rivela ancora una volta vincente la scelta Radical di Antonino Esposito patron dell’Autosport Sorrento. Infatti, grande scalpore ha ottenuto su tutto il palcoscenico nazionale il quarto posto assoluto ottenuto dal pilota trentino Christian Merli nella sessantunesima edizione della Trento-Bondone, classica tappa italiana del Campionato Europeo della Montagna nonché valida per il tricolore della specialità.
Christian alla vigilia della gara di casa era appiedato e in extremis è riuscito a ottenere dalla Scuderia Costiera il muletto presente sulla pista di Imola per la prova italiana dell’European Radical Trophy.  Gran lavoro, anche notturno, dei meccanici per configurare la vettura per la velocità in salita, trasporto della stessa a Trento e…giornata da ricordare davanti alle più potenti vetture CN.
Bene si sono comportati anche Fabio Rosa, Luca Mazzalai e Massimo Vedovello, quest’ultimo all’esordio con una vettura sport, piazzatisi al secondo, terzo e quarto posto del Gruppo E2B 1600, anch’essi con le SR4-Suzuki.
Dal settore Slalom giungono, infatti, ben due vittorie assolute sommate ad altri tre piazzamenti da podio.
Nello Slalom di Viggiano (PZ) a svettare è stato Angelo Faraone su Prosport-Suzuki 1300 che ha preceduto di poco più di tre secondi Maurizio Pepe (SR4-Suzuki 1500).
Nel “Trofeo Città di Giarre” in terra etnea, invece, a portare a casa l’alloro più ambito è stato il ben noto Giuseppe “Jo” Spoto (Prosport-Suzuki 1500), mentre da incorniciare è stata la prestazione del reggino Giuseppe Cuzzola con la “piccola” Prosport-Kawasaki 1000, alla sua seconda uscita con una Radical, piazzatosi terzo assoluto nonostante sia rimasto appiedato nella prima manche per la rottura della catena.
Nicolò Incammisa (SR4-Suzuki 1500) ha conquistato la quinta piazza finale, preceduto solo da vetture monoposto, nella seconda edizione dello Slalom ACSI di Alcamo-Monte Bonifato (TP).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!