Slalom Casalvieri: Barbone precede i Castellano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – E’ andata in soffitta anche lo Slalom Città di Casalvieri in provincia di Frosinone e la famiglia Castellano si è piazzata anche in questo appuntamento sul podio. Il più veloce di tutti è stato Barbone che nel corso dell’ultima salita ha messo in riga i due alfieri dell’Autosport Sorrento.
«Abbiamo affrontato questo slalom solo come messa a punto in vista del prossimo impegno del Campionato Italiano – afferma Sebastiano Castellano -. Abbiamo modificato assetti e revisionato i motori per mettere preparare al meglio i prossimi appuntamenti della stagione».
I due fratelli, Salvatore e Sebastiano, a cui, a volte, si aggiunge anche papà Mario dividono la passione per i motori con il lavoro di autisti motivo per il quale l’impegno nel CIS è troppo dispendioso di energie e fondi.
«Purtroppo i nostri impegni non ci permettono di partecipare a tutte le tappe del campionato – continua il driver costiero -. I piazzamenti ci fanno piacere e un pensierino almeno al Trofeo Centro-Sud lo abbiamo fatto. La logistica ci delle gare ci fornisce qualche opportunità in più di essere protagonisti».
Nella gara in terra laziale anche la sfortuna ci ha messo lo zampino costringendo il più giovane della famiglia a veder svanire la vittoria finale dopo aver realizzato il miglior crono nella prima salita, mentre Salvatore, su Chiavenuto-Suzuki piazzava lo scratch nella seconda salita. Barbone nell’ultima prova monta gomme nuove e mette in riga tutti, Gianluca Micco della scuderia Autosport Sorrento, anche lui su Radical, chiude settimo.
«Un vero peccato – conclude Sebastiano -. Nell’ultima salita non ho voluto rischiare e non sono riuscito a migliorarmi, ma sono comunque contento del piazzamento finale».
Il calendario di gare propone subito l’occasione per il riscatto a Mirabella Eclano, ma non ci sono certezze sull’opportunità di vedere al via i due alfieri costieri, mentre di sicuro Salvatore e Sebastiano non mancheranno il 24 luglio ad Ausonia  in occasione del 9° Slalom Ausonia Coreno settima prova della massima rassegna nazionale tra i birilli.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!