Il Verona ribalta la classifica

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Verona – Vince per due a zero la squadra scaligera che ribalta il fattore classifica e si prepara al ritorno all’Italia con il vantaggio del risultato. Una gara equilibrata che si decide nel finale del secondo tempo con la doppietta di Ferrari.
Meglio nei primi quarantacinque minuti il Sorrento che ha le sue occasioni, ma non le sfrutta mettendo in evidenza le grandi doti del portiere Rafael. Pignalosa si trova sui piedi la sfera rimpallata dopo un tiro di Carlini, ma il portiere scaligero è pronto, si distende e devia.
Il migliore dei gialloblu è Ferrari che in due occasioni sfiora la rete. Prima mette fuori il diagonale da otto metri, poi di testa, su assist di Scaglia, la manda alta sulla traversa.
Il Sorrento c’è e ancora Pignalosa si rende protagonista. Cross dalla destra, l’attaccante si avventa di testa sul pallone, ma Rafael para, la sfera arriva sui piedi di Erpen che prova a sorprendere il portiere scaligero che blocca sulla riga.
In chiusura è bravissimo Rossi a opporsi alle conclusioni di Le Noci e Martina Rini.
Nella ripresa il Sorrento parte forte con Carlini, poi decide di nascondersi e lascia campo al Verona. Hallfredsson è irrefrenabile e costringe De Giosa al salvataggio sulla linea, poi ancora il finladese costringe il pipelet costiero in angolo.
Il Verona cresce, il Sorrento è in affanno. Come logica conclusione scaligeri in vantaggio. Scaglia crossa lungo, Cangi rimette al centro, Ferrari al volo di destro realizza.
Chiude la pratica e aumenta le proprie possibilità di accedere alla finale la squadra di Mandorlini su rigore. Di Nunzio sembra toccare con la mano la conclusione di Cangi, ma con il braccio vicino al corpo, per Mariani è rigore. A calciare dal dischetto è ancora l’ex Pergocrema Ferrari che chiude il match.

Semifinale andata play-off Lega Pro Prima Divisione girone A
H Verona – Sorrento 2-0 (0-0)
Hellas Verona (4-3-3): Rafael 7; Cangi 6.5, Ceccarelli 6.5, Maietta 6.5, Scaglia 7; Martina Rini 6 (37’st Garzon sv), Esposito 6.5, Hallfredsson 7; Mancini 5.5 (8’st Berrettoni 6), Ferrari 7.5, Le Noci  6 (20’st Selva 6). A disposizione: Nicolas, Abbate, Anderson, Russo.
Allenatore: sig. Mandorlini 6.5
Sorrento (4-4-2): Rossi 6.5; Vanin 5, Lo Monaco 5.5, Terra 6 (34’st Di Nunzio 5.5), De Giosa 6; Erpen 6, Togni 5.5, Nicodemo 5.5, Manco 5.5; Pignalosa 6 (28’st Bonvissuto sv), Carlini 6 (45’st Corsetti sv). A disposizione: Mancinelli, Angeli, Camorani, Armellino, Corsetti.
Allenatore: sig. Simonelli 6
Arbitro: Maurizio Mariani  di Aprilia
Spettatori 15 mila circa. Ammoniti: Esposito, De Giosa, Maietta, Ceccarelli, Di Nunzio. Angoli: 5-1. Recupero: 0’pt, 4’st
Marcatori: 30’st  e 44’st rig. Ferrari (V)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!