Simonelli:”La squadra è tranquilla”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Guarda lontano il Professore Simonelli

Sorrento – Alla vigilia dei play-off è sereno Gianni Simonelli che tenta per l’ennesima volta di raggiungere l’obiettivo promozione attraverso gli spareggi. La lotteria finale dei play-off è considerata da tutti come un campionato a parte da giocare in meno di un mese che alla lunga premia chi arriva meglio sotto l’aspetto mentale e fisico. Il professore di Saviano sembra sereno come la squadra che, dopo la goleada contro il Potenza in allenamento, è partita per il Veneto.
«Sto provando tutte le emozioni e tutti i pensieri che possono esserci prima di una partita, positivi e negativi insieme – spiega Gianni -. Fino a questo momento la squadra è abbastanza tranquilla. Siamo entrati in uno stato d’animo del tipo accada quel che accada. Se questo atteggiamento mentale fosse più profondo sarebbe il modo migliore per stare tranquilli».
Nulla di nuovo sotto al sole il solito aplomb di Simonelli che dell’avversario ha da sempre una grande considerazione.

"L'augurio che tutti me compreso a Verona riusciamo a essere noi stessi"

«Il Verona al di là di quanto già avvenuto in campionato l’ho sempre considerato un’ottima squadra – contiua il trainer costiero -, ma spero che contro di noi non si esprima al meglio».
Sui suoi uomini l’allenatore fa prima una considerazione e poi un augurio su quello che è stato fatto e su quello che c’è ancora da fare per raggiungere un sogno.
«In estate ho sempre detto che eravamo una buona squadra che, se umile e cattiva, poteva diventare ottima. Questo piccolo traguardo lo abbiamo raggiunto – conclude Simonelli -. Per il prossimo impegno l’augurio che faccio a me e alla squadra è che a Verona tutti riusciamo ad essere quello che siamo, nel bene o nel male. Questo è molto importante».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!