Nessun caso, Pastore può correre

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Si arricchisce di nuovi particolari la vicenda di Mario Pastore. Domenica scorsa, l’atleta del Team Ciclismo Sorrentino ha disputato la corsa di Ceprano. Nessuna sospensione per Mario che il 27 febbraio scorso, infatti, al termine del Giro della Costiera, non si era presentato ai controlli antidoping disposti dalla direzione di corsa. Un’assenza che gli era costata l’esclusione dalla classifica finale della gara e, appunto, un periodo di sosta almeno sino all’udienza alla Procura Anti-doping.  Adesso, dopo le polemiche seguite alla sua partecipazione alla gara di Ceprano, Pastore spiega il perché della sua scelta: «Nel corso dell’audizione dinanzi alla Procura nazionale antidoping – sottolinea – ho chiesto espressamente se potessi prendere parte alle corse o meno. Il procuratore mi ha risposto di sì, precisando che, allo stato attuale, non ci sono motivi per non gareggiare. Quindi, partecipare alle gare è un mio diritto». Intanto, fonti interne al team fanno sapere che «al momento non sono stati presi provvedimenti dopo l’udienza in Procura. Sono in corso le valutazioni sulle giustificazioni fornite da Pastore alla Procura che, successivamente, procederà alla sospensione oppure all’archiviazione. Allo stato attuale, Pastore può partecipare alle gare, visto che non ha ricevuto alcun deferimento o rinvio a giudizio».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!